Caccia al carabiniere: una tendenza preoccupante

Che corressero da sempre gravi rischi, che fossero tra le forze dell’ordine quelle spesso chiamate a pagare con un tributo di sangue il loro impegno a favore dell’ordine pubblico, lo sappiamo da sempre. Ma che siano diventati una sorta di pungiball per chiunque – ci dispiace evidenziarlo, soprattutto immigrati clandestini – abbia voglia di sfogare i suoi più violenti e bassi istinti, è questione più recente. Prova ne sono i continui articoli di cronaca che affliggono i nostri media, almeno quelli rispettosi della professione, perché ce n’è sono alcuni che preferiscono la censura a una brutta notizia, magari per “buona pace” del lettore…

Comunque, a dare un’occhiata in giro solo nell’ultima settimana, ecco cosa esce fuori.
Benevento: H.F., di 29 anni, nigeriano, ospite di un centro di accoglienza in città, in evidente stato di ebbrezza alcolica, inizia a molestare i passanti nel centro storico. La segnalazione arriva ai carabinieri che mandano sul luogo una vettura. L’extracomunitario, però, invece di preoccuparsi per l’arrivo delle forze dell’ordine, la prende malissimo, e reagisce colpendo uno dei militari all’avambraccio e al polso con una bottiglia, e procurando al carabiniere varie contusioni. Bloccato e arrestato con le accuse di ubriachezza molesta, lesioni personali, violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, viene rilasciato già il giorno dopo con il solo “obbligo di firma” che già immaginiamo quanto rispetterà…

Pisa: esiste addirittura un video, divenuto virale, che mostra un senegalese avvicinarsi da dietro a un carabiniere che sta per risalire sulla vettura di servizio e, dopo averne richiamato l’attenzione, colpire il militare con un pugno in faccia, a freddo. La vettura dei carabinieri si trovava in loco per un normale controllo su un gruppo di venditori abusivi di merce contraffatta, e i carabinieri avevano appena proceduto al sequestro di decine di borse tutte fasulle ma dai marchi altisonanti. Il senegalese in questione, però, non si è solo limitato a colpire il primo carabiniere, ma ne ha ferito anche un altro, procurandogli la frattura del setto nasale e una prognosi di 30 giorni. In tutto questo, connazionali dell’extracomunitario hanno anche inseguito l’auto dell’Arma cercando di bloccarla, probabilmente per continuare l’aggressione o magari per recuperare la merce sequestra. Impossibile, in tutto ciò, fermare l’esecutore materiale dell’aggressione che ha potuto allontanarsi grazie alla complicità dei suoi amici, e che risulta ancora uccel di bosco.

Due brevi di cronaca, dunque, ma che sono solo la punta dell’iceberg di una tendenza che dovrebbe preoccupare e far riflettere. Invece ciò che colpisce anche di più, è da una parte una certa stramba tolleranza dei nostri magistrati nei confronti degli stranieri soprattutto se presunti rifugiati e clandestini certi e, come l’ha definito qualcuno, “l’assordante” silenzio della novella ministra della Difesa, Elisabetta Trenta, che fino ad ora non ha speso una parola a favore degli aggrediti. Chissà cosa ne pensa , il neo ministro degli Interni da parte del quale ci aspettiamo una precisa presa di posizione, magari stavolta coi fatti.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,818FansLike
3,684FollowersFollow

Leggi anche

Gli assassini di Willy prendono il Reddito di Cittadinanza

Picchiatori, nullafacenti e con il reddito di cittadinanza. Questo il nuovo quadro che emerge in queste ore a proposito dei quattro di Artena arrestati...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Gli assassini di Willy prendono il Reddito di Cittadinanza

Picchiatori, nullafacenti e con il reddito di cittadinanza. Questo il nuovo quadro che emerge in queste ore a proposito dei quattro di Artena arrestati...

Gli assassini di Colleferro col SUV, ma il padre prende il Reddito di Cittadinanza

La storia di Willy Duarte è la storia di grandi e terribili vuoti, su tutti giganteggia il vuoto che lascia, ma sullo sfondo si...

Willy, il gestore del pub: “c’entrano le Istituzioni, c’entrano i genitori, c’entra la scuola, la storia è sempre la stessa”.

Il proprietario di un Pub di Velletri pubblica un lungo sfogo su Facebook in un cui racconta un episodio avvenuto nel suo locale con...

Orrore comunista senza fine. Scoperta nuova foiba in Slovenia.

Per decenni la drammatica storia degli Italiani dell’Istria e della Dalmazia è stata nascosta agli occhi del mondo. I giuliano-dalmati furono addirittura accolti in Patria...