Come l’Himar occidentale ha costretto la Russia a negoziare sul grano

I sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità, noti come Himars, sono stati fondamentali per l'Ucraina. I sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità, noti come Himars, sono stati determinanti nel costringere il Cremlino al tavolo dei negoziati nelle ultime settimane. Resta incerto se l'accordo sull'esportazione di grano funzioni davvero. Sabato, la Russia ha lanciato missili nel porto di Odesa, provocando un incendio e suscitando una condanna diffusa. Ma il fatto che la Russia abbia accettato un tale compromesso pubblico mostra che i sistemi missilistici stanno cambiando l'equilibrio della guerra a favore dell'Ucraina.

L’esercito russo si è fermato. In meno di un mese sul campo di battaglia, Himars ha distrutto dozzine di depositi di munizioni russe una volta fuori dalla portata dell’artiglieria ucraina, costringendo Mosca a riorganizzare le loro ingombranti linee di rifornimento. Questo ha risucchiato lo slancio dai progressi che l’esercito russo aveva ottenuto nel Donbas. Himars ha anche colpito la flotta russa del Mar Nero.

Phillips O’Brien, professore di studi strategici alla St Andrews University, ha affermato al Telegraph che gli Himar potrebbero aver eliminato fino a 100 “obiettivi di alto valore”. 

“Questo deve ferire gravemente i russi”, ha detto.

Il loro successo ha alimentato la richiesta di inviare più armi occidentali in Ucraina nella speranza che costringeranno Vladimir Putin a negoziare un accordo di pace.

Gli Himar sono uno dei sistemi di artiglieria più sofisticati al mondo e possono sferrare un proiettile sulla porta d’ingresso di una casa a 60 miglia di distanza. Possono anche sparare a navi ancorate al largo o che navigano in modo relativamente lento.

L’esercito ucraino ha colpito le navi da guerra russe con gli Himar e altri sistemi missilistici occidentali, come l’Harpoon.

Una delle sue vittorie chiave è stata quella di costringere la marina russa a ritirarsi da Snake Island all’inizio di luglio, fondamentale per controllare le rotte di navigazione in entrata e in uscita dall’Ucraina. Questa ritirata e l’affondamento dell’ammiraglia russa del Mar Nero, la Moskva, in aprile hanno reso impossibile al Cremlino di mantenere il blocco di Odesa.

Alexander Gabuev, ricercatore presso il think tank Carnegie Endowment for International Peace, ha descritto la revoca del blocco dei porti ucraini da parte della Russia come un “importante voltafaccia”. Ha anche affermato che gli alleati russi in Africa e in Asia, che stavano affrontando potenziali carestie, hanno anche fatto pressioni sul Cremlino affinché consentisse le esportazioni di grano ucraine.

Ma sono le armi dell’Occidente che hanno davvero cambiato lo slancio della guerra. E ce ne sono altri in arrivo.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,949FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati