Effetti avversi da vaccino potrebbero essere milioni. Allarme in Germania dalle assicurazioni sanitarie.

Un’analisi dei dati di milioni di assicurati della cassa di assicurazione sanitaria aziendale BKK ha rilevato un numero di effetti collaterali considerevolmente più alto rispetto al Paul-Ehrlich-Institute. I nuovi dati sono un “segnale d’allarme”, dice il membro del consiglio BKK Andreas Schöfbeck.

Ne ha dato notizia il Welt, ma il caso è stato ripreso anche dal quotidiano La Verità in Italia.

Per la prima volta, scrive il Welt, le cifre sugli effetti collaterali dei vaccini Covid sono disponibili da una grande associazione di assicurazione sanitaria tedesca. Andreas Schöfbeck, membro del consiglio di amministrazione di BKK ProVita, ha fatto analizzare i dati di milioni di assicurati del gruppo BKK. Secondo questi, il numero totale di effetti collaterali è molte volte superiore a quello riportato dal Paul Ehrlich Institute (PEI), agenzia del ministero federale della tedesco.

In una videochiamata con WELT mercoledì, Schöfbeck ha detto: “Le cifre determinate sono considerevoli e devono essere urgentemente controllate per la loro plausibilità”.

Secondo Schöfbeck, BKK ProVita si era allertata perché la gestione dei casi della compagnia di assicurazione sanitaria aveva incontrato sempre più diagnosi che suggerivano effetti collaterali dovuti alla vaccinazione contro il Covid-19. Pertanto, il pool di dati comune di tutte le assicurazioni BKK è stato interrogato per i codici di diagnosi T88.0 (Infezione dopo la vaccinazione/sepsi dopo la vaccinazione), T88.1 (Altre complicazioni dopo la vaccinazione, eruzione cutanea dopo la vaccinazione), Y59.9 (Complicazioni causate da vaccini o sostanze biologicamente attive) e U12.9 (Effetti collaterali indesiderati durante l’uso di vaccini Covid-19).

Il risultato: dall’inizio dell’anno 2021 fino alla metà del terzo trimestre, 216.695 assicurati BKK sono stati trattati per effetti collaterali causati dai vaccini. Questa cifra non include 7665 casi di complicazioni causate da altri vaccini. Eventuali trattamenti multipli degli assicurati non sono stati inclusi nelle statistiche – sono stati calcolati per paziente.

In confronto, alla data limite del 31 dicembre 2021, il Paul Ehrlich Institute ha registrato solo 244.576 rapporti di eventi avversi scatenati dai vaccini Covid, basati su 61,4 milioni di persone vaccinate. “La nostra analisi mostra che abbiamo a che fare con un chiaro under-reporting qui”, dice Schöfbeck. Sottolinea che i dati che lui e il suo team hanno analizzato coprono solo 10,9 milioni di assicurati e solo un periodo di sette mesi e mezzo; la campagna di vaccinazione è già in corso da 14 mesi in Germania.

“Secondo i nostri calcoli, consideriamo realistiche 400.000 visite al medico da parte dei nostri assicurati a causa di complicazioni da vaccinazione”, dice Schöfbeck: “Estrapolata alla popolazione totale, questa cifra sarebbe di tre milioni”. Come spiega la differenza tra i dati di PEI e BKK? Schöfbeck cita il sistema di segnalazione come un problema: “I medici non sono pagati per segnalare gli effetti collaterali delle vaccinazioni. Allo stesso tempo, questo processo richiede molto tempo. È semplicemente impossibile riferire tutto”. Nessuna dichiarazione può essere fatta sulla natura e la gravità dei reclami sulla base del pool di dati, dice Schöfbeck: “L’unica cosa che è chiara è che le persone sono state così male che sono andate dal medico”.

Schöfbeck si è rivolto nei giorni scorsi a diverse istituzioni, tra cui l’Associazione dei medici tedeschi, l’Associazione dei medici dell’assicurazione sanitaria pubblica, la GKV-Spitzenverband e il Comitato permanente per le vaccinazioni (Stiko). La lettera a Paul Cichutek, il presidente della PEI, è intitolata “Grave segnale d’allarme per gli effetti collaterali codificati della vaccinazione dopo la vaccinazione Corona”. In esso, l’autore afferma che le nuove cifre sono viste “come un notevole segnale d’allarme che deve essere preso in considerazione nell’ulteriore uso dei vaccini”. Si aspetta risposte rapide perché non si può escludere un “pericolo per la vita umana”.

La lettera è consultabile qui: brief PEI_bin-237107021

Schöfbeck è stato membro del consiglio di amministrazione della BKK Pro Vita di Monaco di Baviera per 21 anni. L’economista dell’assicurazione sanitaria dice che si sente obbligato verso i suoi assicurati. Ecco perché rende pubblici i dati: “Le cifre emerse dalla nostra analisi sono molto lontane da quelle annunciate pubblicamente. Sarebbe eticamente sbagliato non parlarne”.

Anche lo statistico medico Gerd Antes è allarmato: “Lo stato e il sistema sanitario hanno il dovere di chiarire rapidamente questa situazione. Il danno maggiore che può verificarsi è il danno alla volontà di vaccinarsi”, ha detto a WELT l’ex direttore del Centro Cochrane tedesco.

Il Welt non ha ottenuto nessuna dichiarazione dall’Istituto Paul Ehrlich entro tempi utili prima della pubblicazione di questa storia.

FonteWelt

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,403FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati