Fase 2: Governo discrimina scuole paritarie

“Fratelli d’Italia da sempre vicina al mondo dell’istruzione, sostiene e solidarizza con la presa di posizione delle scuole paritarie che hanno indetto due giorni di sciopero della didattica a distanza. Alle scuole accreditate non statali sono iscritti ben 866.805 alunni, l’11% rispetto agli statali, in rappresentanza di famiglie che per svariati motivi non possono ricorrere all’insegnamento pubblico e che l’attuale emergenza sta rendendo ancora più fragili. Occorrono fondi più sostanziosi rispetto agli 80 milioni previsti dal decreto rilancio. Ricordiamo al presidente Conte e al ministro Azzolina che questi istituti, oltre a rappresentare la seconda gamba del sistema di istruzione, sono anche un sostanzioso serbatoio di posti di lavoro. Cosa ne sarà di dirigenti, docenti e assistenti vari, dopo l’inevitabile chiusura per fallimento? Il M5S e le altre forze della maggioranza hanno buttato la maschera schierandosi contro gli aiuti economici agli istituti non statali: anche in questo caso, siamo certi che gli italiani a tempo debito sapranno ricambiarli”.
Lo dichiarano i deputati di Fratelli d’Italia Carmela Ella Bucalo e Paola Frassinetti.
Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,499FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati