Foibe, Fratelli d’Italia chiede che il film su Norma Cossetto sia proiettato a scuola e nelle Univesità

Il Presidente dei Senatori di , Luca Ciriani.

Il film ‘Red land (Rosso Istria)’ sulla terribile e tragica vicenda di Norma Cossetto rappresenta un tributo alla verità. Sono trascorsi 75 anni da quella bestiale violenza che vide una giovane italiana morire, dopo essere stata violentata e orribilmente mutilata, per mano di una banda di comunisti titini. Ancora oggi l’Italia non ha fatto i conti con quel periodo storico e con quegli eventi che insanguinarono il confine orientale italiano che tuttora porta i segni di quelle terribili violenze, profondi quanto le foibe.

E’ grazie alle battaglie portate avanti con coraggio dalla Destra se oggi storie come queste possono essere sottratte dall’oblio e dall’omertà. Mi auguro che un film come questo, anche se forte e crudo, possa essere proiettato nelle scuole, all’interno delle Università e ottenere un’ampia diffusione.

Le giovani generazioni hanno il diritto di conoscere cosa accadde a tantissimi italiani che, colpevoli di essere soltanto tali, furono vittime delle più atroci e terribili violenze da parte di un’ideologia, quella comunista, che per troppo tempo è stata raffigurata come faro della civiltà e del progresso“.

Lo dichiara il presidente dei senatori di Fratelli d’Italia, Luca Ciriani a margine della presentazione in Senato del film “Red land (Rosso Istria)”.

Guarda il Trailer

Siamo nel settembre del 1943, nei giorni in cui nei territori italiani martoriati dalla guerra scoppia il caos: il maresciallo Badoglio, capo del governo italiano, chiede ed ottiene l’armistizio da parte degli anglo–americani e unitamente al Re fugge da Roma, lasciando l’Italia allo sbando.

L’esercito non sa più chi è il nemico e chi l’alleato. Il dramma si trasforma in tragedia per i soldati abbandonati a se stessi nei teatri di guerra ma anche e soprattutto per le popolazioni civili Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate, che si trovano ad affrontare un nuovo nemico: i partigiani di Tito che avanzano in quelle terre, spinti da una furia anti-italiana.

In questo drammatico contesto storico, avrà risalto la figura di Norma Cossetto, giovane studentessa istriana, laureanda all’Università di Padova, barbaramente violentata e uccisa dai partigiani titini, per la sola colpa di essere Italiana.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,350FansLike
4,191FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x