Grande repubblicano e magnate del carbone muore in un incidente con l’elicottero

Chris Cline era nato il 5 luglio del 1958 a Beckeley, in Virginia Occidentale, ed era considerato il re del carbone americano grazie alla proprietà della maggioranza della Foresight Reserves LP, che con quasi 2,1 miliardi di tonnellate di riserve di carbone, è tra i maggiori detentori del prezioso minerale negli Stati Uniti e in grado di sostenere più di 75 anni di produzione all’attuale notevole livello. Azienda all’avanguardia quella di Cline, che in due dei suoi complessi minerari utilizza sistemi di estrazione a lungo termine altamente efficienti. Questo metodo minerario, unito alla favorevole geologia dei giacimenti, ha portato suddette miniere ad essere le più sicure tra quelle sotterranee, oltre che più produttive e a minor costo negli Stati Uniti. Non a caso Cline non faceva mistero di ritenersi un filantropo che, oltre alle tante attività benefiche intrattenute, voleva migliorare il più possibile la vita dei propri dipendenti oltre che le comunità nelle vicinanze dei bacini di estrazione.
L’incidente in cui Cline ha perso la vita, è avvenuto giovedì scorso, alle Bahamas, in prossimità di Big Grand Cay, un’isola che il magnate possedeva in quella zona. Le autorità hanno iniziato a cercare l’elicottero di Cline dopo che la polizia ha ricevuto un rapporto dalla Florida dove si diceva che l’aeromobile non è riuscito ad arrivare a Fort Lauderdale come previsto giovedì, secondo il sovrintendente della polizia delle Bahamas, Shanta Knowles.
I corpi di quattro donne e tre uomini sono stati portati nella capitale delle Bahamas, Nassau, ha detto Delvin Major, capo per il Dipartimento investigativo degli incidenti aerei delle Bahamas. L’elicottero Augusta AW139 era ancora in acqua. Il maggiore ha sostenuto di non credere che ci sia stata una chiamata di soccorso inascoltata. La causa dell’incidente è per ora indeterminata, come hanno detto i funzionari locali. Secondo una dichiarazione della polizia della Royal Bahamas, le autorità e la gente del posto hanno trovato l’aereo a due miglia da Big Grand Cay, acquistata da Cline nel 2014.
In un tweet , Donald Trump ha espresso sincero dolore per la perdita di un “grande uomo d’affari ed esperto di energia” , nonché suo sostenitore finanziario in campagna elettorale, e ha aggiunto che Cline era “un uomo meraviglioso e un grande repubblicano!” Cline e sua figlia di 22 anni, Kameron, erano a bordo dell’aeromobile con altre cinque persone al momento dell’incidente giovedì, ha detto Brian Glasser, un avvocato di Cline e momentaneo portavoce della famiglia.
La morte del magnate sessantenne ha scatenato tantissimi commenti pubblici dove si elogia la figura dell’uomo, sia come leader del settore, che come persona normale con una grossa empatia verso il prossimo. Tutti sono comunque concordi nel descrivere Cline come un visionario generoso con la sua fortuna di $ 1,8 miliardi. Bill Raney, presidente della West Virginia Coal Association, ha raccontato che Cline ha iniziato a lavorare nelle miniere del West Virginia del sud in giovane età, passando nelle file della compagnia di suo padre e da lì prendendo spunto per la propria attività di sviluppo energetico, il Cline Group, che è diventato uno dei principali produttori di carbone del paese.
Quando pensava che l’estrazione mineraria nella regione degli Appalachi fosse prossima a prosciugarsi, Cline ha acquistato riserve nel bacino dell’Illinois in un intelligente investimento in carbone ad alto tenore di zolfo, secondo il sito web di Foresight Energy, una società che ha fondato nel Missouri. Cline recentemente aveva venduto la maggior parte della sua quota nel capitale di Foresight per 1,4 miliardi di dollari , e aveva poi investito 150 milioni di dollari in una miniera di carbone metallurgica in Nuova Scozia, secondo un articolo di Forbes intitolato “Chris Cline potrebbe essere l’ultimo carbonaio” .
Il pezzo catturò anche l’immagine di una vita opulenta: una villa in West Virginia con un lago artificiale abbastanza grande per lo sci nautico e un stallone bianco di nome Fabio. Una collezione di armi così completa che i funzionari federali dovevano farne il controllo una volta al mese. Uno yacht di 200 piedi chiamato Mine Games… In tutto questo, Cline ha sempre difeso il suo business e l’impatto del carbone sui cambiamenti climatici, sventolando prove scientifiche che distoglievano l’attenzione dal minerale che trattava, per focalizzarla su altro.
“Le persone meritano l’energia più economica che possono ottenere”, ha detto una volta. “Di ‘ai poveri dell’India e della Cina che non meritano di avere elettricità affidabile e conveniente”. A tal fine, aveva parlato anche di pannelli solari, turbine eoliche e batterie Tesla a Big Grand Cay, dicendo: “Dove ha senso, sono assolutamente a favore”. Da bravo repubblicano, Cline diede al comitato per l’elezione di Trump un milione di dollari e ne condivise altre migliaia con gruppi conservatori e personaggi repubblicani come il leader della maggioranza del Senato Mitch McConnell e il senatore della Florida Marco Rubio. Famosa anche la sua elargizione di 8,5 milioni di dollari alla Marshall University in West Virginia. “I nostri cuori sono pesanti”, ha detto il presidente di Marshall, Jerome A Gilbert. “La generosità di Chris nei confronti dei nostri programmi di ricerca e di atletica ha segnato la Marshall University ei nostri studenti per molti anni a venire”.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,587FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati