Guerra ibrida con i migranti. La Lituania costruisce il primo muro d’Europa. Crisi al confine polacco.

La recinzione è al confine con la Bielorussia, che ha ripetutamente negato di incoraggiare i migranti a entrare in Polonia e negli Stati baltici, ma la NATO si direbbe pronta a intervenire per fermare la "guerra ibrida" di Minsk.

La Lituania ha costruito i primi tratti di un muro di confine in acciaio da quando i migranti dal Medio Oriente e da altre aree hanno iniziato ad entrare dalla Bielorussia quest’anno.

Ora anche ‘Unione europea e la NATO accusano la Bielorussia di incoraggiare deliberatamente i migranti a entrare negli stati dell’UE Polonia, Lituania e Lettonia attraverso il territorio bielorusso per esercitare pressioni sul blocco.

La Bielorussia lo ha ripetutamente negato, ma il suo presidente, Alexander Lukashenko, ha affermato che il suo paese non fermerà più i migranti, poiché le sanzioni dell’UE prosciugano le risorse.

Tutti e tre i paesi dell’UE hanno messo dei fili di filo spinato al confine per fermare i migranti. La scorsa settimana la Lituania ha iniziato a montare i primi tratti della recinzione in acciaio alta 3,4 metri (11 piedi), sormontata da 0,6 metri (2 piedi) di filo spinato.

Lo racconta il Telegraph in un report di qualche giorno fa.

“Probabilmente è impossibile costruire un ostacolo totalmente invalicabile, quindi penso che anche questa barriera possa essere superata. Ma ci vorrebbe molto tempo e saremmo in grado di reagire”, ha affermato Virgilijus Raugale , capo della guardia di frontiera nel sud della Lituania ai cronisti del giornale inglese .

La Lituania ha stanziato 152 milioni di euro (130 milioni di sterline) per costruire 500 chilometri (300 miglia) del muro entro settembre del prossimo anno. Il muro è integrato da un mucchio di filo spinato arrotolato alto 3 metri accanto ad esso e da apparecchiature di videosorveglianza.

Più di 4.000 migranti sono entrati in Lituania dalla Bielorussia quest’anno prima di agosto, quando il paese ha fatto ricorso al rimpatrio di quasi tutti i migranti in entrata in Bielorussia.

Da allora, ha detto il servizio di guardia di frontiera, a oltre 5.600 migranti è stato impedito l’ingresso, inclusi 2.300 che hanno tentato di entrare a ottobre.

La Nato afferma che “è pronta” a intervenire mentre la Bielorussia invia migliaia di migranti al confine dell’UE

La Nato ha avvertito che potrebbe agire contro la Bielorussia dopo che la dittatura ha cercato di costringere migliaia di migranti attraverso il confine polacco nell’UE.

I soldati bielorussi, che secondo quanto riferito hanno guidato i migranti al confine, sono stati filmati mentre osservavano i richiedenti asilo che praticavano buchi nella recinzione e abbattevano alberi nel tentativo di abbattere il filo spinato.

L’alleanza militare ha accusato Minsk di aver tentato di utilizzare l’immigrazione illegale per destabilizzare il blocco in vendetta per le sanzioni, in un messaggio di sostegno a Varsavia.

“La Nato è pronta ad assistere ulteriormente i nostri alleati e a mantenere la sicurezza nella regione”, ha affermato un funzionario della Nato.

Lunedì pomeriggio, i migranti stavano tentando di “forzare” la loro strada attraverso il confine sulla frontiera esterna dell’UE, ha detto la guardia di frontiera polacca. Ha aggiunto che ci si aspettava che gruppi di diverse centinaia di migranti ciascuno tentassero di attraversare imminentemente al calare della notte.

Mentre gli elicotteri militari volavano bassi per scacciare la folla sottostante, la guardia di frontiera ha condiviso un video che mostrava persone che attaccavano il filo spinato con tronchesi. Ci sono state segnalazioni non confermate di colpi di arma da fuoco da parte di soldati bielorussi che speravano di allontanare i migranti di ritorno dalla parte polacca.

I militari polacchi hanno formato uno scudo umano per bloccare i migranti mentre la folla cantava “Germania!”

I migranti hanno iniziato ad accamparsi quando è calata la notte vicino alla città di frontiera di Kuznica. Le riprese aeree condivise dal ministero della Difesa polacco hanno mostrato centinaia di tende e incendi lungo la strada sul lato bielorusso.

Mentre si svolgeva l’ultimo cupo capitolo della crisi dei migranti in Europa, Washington e Bruxelles hanno invitato Minsk a fermare quello che hanno descritto come un afflusso orchestrato.

“Le forze e i soldati del ministero dell’Interno sono riusciti a fermare il primo tentativo di massa di violare il confine”, ha twittato il ministero della Difesa polacco.

“I migranti hanno allestito un campo nella regione di Kuznica. Sono costantemente sorvegliati dai servizi bielorussi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,397FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati