Il ministro ungherese: crediamo nella protezione dei bambini e delle famiglie e il rispetto della sovranità nazionale.

Intervista con Judit Varga, ministro della giustizia ungherese, per El Correo de España a firma di Alvaro Penas.

Judit Varga: “Abbiamo una brutta notizia per tutti i nostri critici: non ci arrenderemo”.

La caduta dell’Afghanistan ha scatenato una nuova crisi migratoria. Ma a differenza del 2015, non sono solo l’Ungheria o Visegrad a rifiutare di aprire le loro frontiere, l’Austria, la Slovenia o la Grecia non hanno intenzione di farlo, e anche la Germania o la Francia non sembrano molto entusiaste. È una prova del fallimento del multiculturalismo? Il tempo ha dato ragione all’Ungheria?

In realtà, ha appena colpito il chiodo sulla testa, come sempre più politici in Europa occidentale stanno cominciando a rendersi conto che criticare l’Ungheria per la costruzione di una recinzione ai suoi confini nel 2015 è stato, in realtà, un errore. Quello che l’Ungheria sostiene da sei anni è che lasciare entrare in Europa folle di migranti di origine sconosciuta solo per risolvere i nostri problemi demografici e di è la risposta sbagliata. Invece, dovremmo sostenere le famiglie e aiutare localmente nelle zone di conflitto. La posizione ungherese rimane chiara a questo proposito: se invitiamo altri extraeuropei, questo cambierà l’identità culturale dell’Europa, e sarebbe una sfida alla nostra eredità culturale e cristiana. Non dobbiamo permettere che questo accada, quindi fermiamo la migrazione.

Eppure vediamo ancora Bruxelles insistere sulla sua agenda ideologica di quote e condivisione dei migranti. Perché l’élite dell’UE sta voltando le spalle agli stati membri? Forse non hanno imparato nulla dalla Brexit?

Quello che vediamo è che certi politici di sinistra a Bruxelles cercano di ricattare gli stati membri che non seguono la loro linea su questioni chiave, come la migrazione. Lanciano una caccia alle streghe politica mascherata da procedure d’infrazione in spregio ai trattati dell’UE. Guardate il Parlamento europeo: ora vogliono portare la Commissione alla Corte UE solo perché agisce come precedentemente concordato dagli stati membri e anche dalla stessa presidente della Commissione von der Leyen. Tuttavia, è preoccupante che mentre le istituzioni europee sembrano essere preoccupate dai loro dibattiti ideologici volti a mettere in ginocchio l’Ungheria o la Polonia, stiamo trascurando le questioni reali, come trovare una soluzione alla migrazione di massa o evitare la fatica dell’allargamento. Dopo l’uscita del Regno Unito, non possiamo semplicemente permetterci di perdere anche i paesi candidati. Quindi, per riassumere: se trattare efficacemente le questioni di cui sopra funziona solo su base individuale, restituiamo le competenze agli Stati membri. Il nostro motto di lunga data è che ciò di cui abbiamo bisogno non è un’Europa più profonda, ma un’Europa più intelligente, con un’integrazione più profonda solo in quei settori in cui l’azione congiunta è più efficace, come la difesa.

Con la recente legge ungherese sulla protezione dei bambini, la presidente von der Leyen ha sottolineato che i diritti LGBTQI, in questo caso l’insegnamento dell’ideologia di genere nelle scuole, sono uno dei valori fondamentali dell’UE. Ma questi non erano valori europei quando l’Ungheria o la Spagna sono entrate nell’UE.
Crediamo che la questione di come educare un bambino sia unica responsabilità dei genitori. Nessuna entità dell’UE ha il diritto di forzare o obbligare i genitori a dare un’educazione sessuale ai loro figli senza il loro inequivocabile consenso. I nostri critici dicono che la nostra legge è contraria ai trattati dell’UE, ma quali esattamente? La legge in questione è in linea con la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e non viola il diritto all’autoespressione sessuale di nessuno, in quanto non si applica agli adulti. Quando l’Ungheria ha aderito all’UE nel 2004, siamo entrati in un quadro di trattati con competenze attentamente progettate: ciò che appartiene all’UE e alla Corte UE, e ciò che rimane nelle competenze nazionali. Oggi, invece, assistiamo a una costante estensione delle competenze da parte di Bruxelles, che cerca di influenzare quasi ogni settore della nostra legislazione nazionale. Non lo permetteremo perché crediamo in valori fondamentali come la protezione dei bambini e delle famiglie o il rispetto della sovranità nazionale. Il Comitato di Bruxelles deve capire che c’è una linea che non può superare. Lo stato di diritto e i trattati devono essere rispettati anche dalle istituzioni.

La Commissione europea ha avviato due procedure d’infrazione contro l’Ungheria. Come intende rispondere a queste procedure?
Ci siamo abituati al fatto che quando non giochiamo secondo le regole liberali, siamo attaccati su una scala senza precedenti. La nostra politica è stata riaffermata dai cittadini ungheresi in tre elezioni consecutive e da diverse consultazioni nazionali, quindi sappiamo che ciò che facciamo riflette la volontà dei cittadini. Quindi, se la Commissione avvia una procedura contro l’Ungheria, è proprio il popolo ungherese che sta attaccando. Il governo non può permettere che questo accada; dobbiamo usare tutti i mezzi per proteggere il popolo. Naturalmente, restiamo aperti al dialogo, ma ci aspettiamo che il popolo ungherese sia rispettato.

Pensa che questi procedimenti contro la legge sulla protezione dei bambini siano in realtà parte di una campagna più ampia per indebolire il governo ungherese in vista delle elezioni del prossimo anno?

Prima di tutto, quando si vede un partito antisemita in coalizione con partiti di sinistra-liberali solo per un guadagno politico, non ci si fa illusioni, si sa che questa è una campagna violenta in cui l’opposizione userà tutti i mezzi per screditare il governo. Tuttavia, i fatti sono ostinati, quindi se si controlla il progresso economico del paese o la strategia di acquisizione di vaccini di successo del governo, si vedrà che le cifre confermano la nostra politica: la performance dell’economia ungherese è aumentata del 17,9 per cento nel secondo trimestre del 2021 rispetto all’anno precedente, mentre l’OCSE riporta che il tasso di disoccupazione in Ungheria è del 3,9 per cento. Naturalmente, non sentirete parlare di questo nei media di sinistra-liberale. Inoltre, ci sono già stati sviluppi che indicano che una campagna simile sta per avvenire anche a livello europeo. Improvvisamente, per esempio, è diventato molto urgente per il Parlamento europeo che la Corte UE si pronunci sul meccanismo di condizionalità. Come ho detto prima, vogliono persino portare la Commissione davanti alla Corte per la mancata applicazione del meccanismo contro l’Ungheria. Ma abbiamo una brutta notizia per tutti i nostri critici: non ci arrenderemo.

Quando Reporter Senza Frontiere ha incluso il primo ministro Orbán nella lista dei “predatori” della libertà di stampa, lei ha detto che “la ‘ex machina’ di Soros è tornata in azione”. È George Soros la forza trainante di tutta questa campagna?

Si può rispondere a questa domanda molto semplicemente guardando i donatori di tutte quelle organizzazioni che criticano costantemente la nostra politica, indipendentemente dal contenuto. Vedrete solo sponsor che sono tutti in qualche modo legati al signor Soros. Lei ha citato Reporter senza frontiere, una ONG che ha ricevuto 200.000 dollari nel 2017 e 175.000 dollari nel 2019 dalle fondazioni di George Soros. Non ci dispiace che un miliardario investa in queste organizzazioni (anche se potrei suggerire iniziative molto migliori), ma dovrebbero finalmente ammettere che sono organismi politici e che non agiscono come organizzazioni completamente indipendenti e imparziali. A questo proposito, siamo d’accordo con la dichiarazione della Corte UE, che sottolinea chiaramente che queste ONG possono avere un’influenza significativa sulla vita e sul dibattito pubblico. Per questo, come in altri paesi, abbiamo anche introdotto una legge per rendere più trasparente l’attività di queste associazioni. Questa è un’aspettativa legittima e democratica.

L’Ungheria ha annunciato all’inizio di quest’anno una futura legge per combattere la censura dei social network, una censura che lei stesso ha sperimentato su Facebook. Ha intenzione di introdurre una legge simile a quella polacca?

L’Ungheria ha assunto un ruolo molto importante quando ha iniziato a discutere le possibilità di combattere la censura nello spazio online. Abbiamo creato il cosiddetto Digital Freedom Committee, a cui partecipano stakeholder di diversi settori. Il nostro impegno per rendere i social media più trasparenti e democratici è stato innegabile, visto che abbiamo persino avuto dei negoziati con il commissario europeo per il mercato interno, Thierry Breton. Ha appreso con piacere che, grazie al della commissione, l’Ungheria ha già intrapreso un’azione decisiva per preparare l’istituzione di un regolamento a livello europeo. Ci ha chiesto di essere pazienti prima di presentare una legge ungherese. Abbiamo convenuto che la regolamentazione dei social media può essere la regolamentazione più efficace a livello europeo, quindi la palla è ora nel campo delle istituzioni europee.

Fidesz ha firmato una dichiarazione con partiti politici come VOX, RN, FdI e Lega al Parlamento europeo, e la politica ungherese è sempre più sostenuta nell’Europa centrale e orientale. Pensa che questa forza sarà in grado di riportare l’Unione europea sui binari giusti e resistere al progetto di Bruxelles degli Stati Uniti d’Europa?

Con la dichiarazione, le comunità politiche di centro-destra hanno inviato un messaggio forte alle istituzioni dell’UE: crediamo in un’Europa forte di stati nazionali forti dove l’unità è importante quanto la diversità. Molti di noi, dalla Spagna alla Bulgaria, continuano a difendere i sogni dei padri fondatori e i valori fondamentali dell’UE, e faremo del nostro meglio affinché l’idea di un’Europa libera non vada perduta. Per questo rimaniamo anche un attore attivo nei dibattiti comuni sul futuro dell’Europa: l’Ungheria è stata la prima nell’UE a lanciare uno scambio di opinioni sul futuro del club, siamo stati i primi a formulare le nostre proposte specifiche, e siamo anche il principale Stato membro che organizza eventi sul futuro dell’Europa. Infine, ma non meno importante, sono stato anche invitato a una tavola rotonda per il Forum europeo di Alpbach di quest’anno. Tutto questo è la prova della nostra dedizione alla riforma del continente di domani. Il continua per rimettere l’Europa in carreggiata.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,968FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x