Il trasporto pubblico nella nuova era post Covid.

L’emergenza sanitaria, emersa dalla pandemia, ha posto tutti gli addetti al settore di fronte alla necessità di ridisegnare il futuro dei nostri spostamenti con nuovi paradigmi, nuove strategie rispetto ad una differente richiesta di mobilità che dovrà adeguarsi a diversi modelli organizzativi rispetto a quelli offerti oggi.

L’offerta del Trasporto Pubblico Locale è ridotta di due terzi (nei casi migliori, del 50%), i tempi di accesso ai servizi ed alle attività lavorative sono differenziati. È in corso un cambiamento epocale delle abitudini di spostamento.

In questo clima di cambiamento è fondamentale mirare ad una visione di ripresa sostenibile. Tra le diverse soluzioni avanzate per rilanciare il settore dei trasporti, queste riguardano il Trasporto Pubblico Locale.

Ad oggi, non è ancora possibile conoscere nel dettaglio le esigenze di spostamento, pertanto le soluzioni per la mobilità ipotizzate potrebbero non essere idonee per soddisfare la domanda di mobilità o limitare l’uso dell’auto privata come mezzo di spostamento.

Da queste premesse occorre “ri-partire” e pensare il prossimo futuro della mobilità nelle aree urbane, anche sulla base delle «Linee guida» del MIT, emanate nell’aprile del 2020 per l’informazione agli utenti e le modalità organizzative per il contenimento della diffusione del covid-19.

Tra i punti il Ministero dei Trasporti raccomanda le aziende di TPL all’adozione del protocollo di regolamentazione per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus negli ambienti di lavoro nel settore dei trasporti e della logistica. A bordo dei bus il MIT raccomanda di acquistare, ove possibile, i biglietti in formato elettronico, on line o tramite app, ed aumentare la frequenza dei mezzi nelle ore considerate ad alto flusso di passeggeri, mantenendo sempre il distanziamento sociale.

La situazione attuale ci pone davanti ad una nuova scelta di progettazione dei servizi di trasporto pubblico in funzione delle specifiche esigenze di mobilità, esigenze che si sono modificate sensibilmente in questo ultimo periodo. Emerge quindi la necessità di aggiornare il servizio pubblico in modo da cogliere la complessità e l’articolazione dei fenomeni negli ambiti urbani, sub ed extra urbani.

Per cui occorre definire forme di trasporto pubblico complementari a quelle tradizionali e improntate sulla logica della flessibilità nella scelta dei percorsi, nella sequenza delle fermate, nei tempi (orari e frequenze), nella dimensione della domanda di spostamento.

Oggi più che mai i servizi di trasporto a chiamata, servizi flessibili sul territorio e nel tempo, risultano la risposta alle esigenze manifestate nel pieno rispetto del distanziamento sociale. Si tratta di servizi speciali, una sorta di taxi collettivo allargato, implementati per il soddisfacimento degli spostamenti degli utenti. È un modo per sostituire il servizio di trasporto pubblico locale in queste condizioni per cui è strettamente necessario monitorare la domanda di mobilità a bordo dei bus. La corsa viene effettuata solo quando serve ed al tempo previsto, evitando all’utente inutili attese e quindi nel pieno rispetto delle indicazioni riportate nei protocolli di sicurezza.

Il servizio a chiamata è una soluzione operativa da cui si possono trarre grossi vantaggi: l’utente prenota una corsa con app, web, telefono. L’azienda organizza il servizio in funzione della domanda di mobilità prenotata, risparmiando sulla gestione del servizio. Le informazioni sulla domanda possono essere condivise con i passeggeri, in attesa nelle pensiline delle fermate o dei capolinea.

Nel complesso, i servizi a chiamata potrebbero costituire un sistema informativo che consente di contingentare salite e discese, facendo rispettare il limite di capienza deciso dalle autorità ed evitando l’affollamento del trasporto pubblico locale.

Un’idea che potrebbe contribuire al rispetto delle regole sul distanziamento sociale, che però non può prescindere dal senso civico e dalla collaborazione del cittadino.

Marco Foti
Marco Foti
Dipartimento Trasporti Fratelli d’Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,726FansLike
3,563FollowersFollow

Leggi anche

Un sistema di accessibilità smart per le perle turistiche del Tirreno: Pizzo Calabro, Tropea e Scilla

La nostra terra offre opportunità turistiche invidiabili a tutto il vecchio Continente e non. Nella zona tirrenica meridionale, tra le province di Vibo Valentia...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Un sistema di accessibilità smart per le perle turistiche del Tirreno: Pizzo Calabro, Tropea e Scilla

La nostra terra offre opportunità turistiche invidiabili a tutto il vecchio Continente e non. Nella zona tirrenica meridionale, tra le province di Vibo Valentia...

Esclusivo: il documento di Fratelli D’Italia che già ad aprile spiegava l’inutilità del lockdown totale

Dalla desecretazione dei verbali del comitato tecnico scientifico è emerso un dato oggettivo, secondo le indicazioni fornite al Governo le misure di contenimento del...

Caos riapertura scuole: rimandare i problemi non servirà a risolverli

Andrà tutto bene. E’ stato lo slogan delle difficili e dolorose settimane di lockdown dovute alla pandemia e continua tutt'ora ad essere il mantra...

Il piano #ItaliaVeloce e le incompiute

Il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture ha realizzato il documento #italiaveloce “L’Italia resiliente progetta il futuro: nuove strategie per trasporti, logistica e infrastrutture”,...