In Pakistan cibo in cambio della conversione all’Islam: cristiani sotto ricatto

Il Pakistan ha 64.028 casi confermati di coronavirus, e i cristiani sono fra i maggiormente colpiti dalla , perché il lockdown ha drasticamente ridotto i loro già esigui mezzi di sostentamento, costringendoli a vivere in luoghi angusti e sovraffollati. Molti cristiani sono ordinariamente impiegati come collaboratori domestici, addetti alle pulizie e personale di cucina, esattamente il tipo di lavori maggiormente colpiti dagli effetti del coronavirus. Tanti sono stati licenziati senza preavviso perché le famiglie presso le quali lavoravano ora temono di essere contagiate.

Una situazione drammatica nella quale si innesta una nuova e preoccupante tecnica di e proselitismo, proprio ai dei cristiani: religiosi musulmani offrono cibo e aiuti in cambio della conversione forzata all’Islam, sfruttando disperazione, emarginazione e . Tabassum Yousaf, avvocatessa cristiana che si occupa dei casi di discriminazione religiosa a Karachi, ha lanciato l’. «Per i nostri attivisti dei , per i politici e per i leader della Chiesa non è il momento di abbassare la guardia», ha detto l’attivista, come riportato da Avvenire. «È una pratica scandalosa e allarmante che va fermata sul nascere», ha confermato all’agenzia Fides il professor Anjum James Paul, presidente della Pakistan Minorities Teachers’ Association. «Ci sono alcune persone che stanno sfruttando il blocco dovuto al -19, e la disperazione creata in tante persone indigenti, per indurre una conversione religiosa all’Islam, operando un ricatto: se vuoi il cibo, diventa musulmano», ha aggiunto.

Non rimane, però, indifferente la solidarietà internazionale. Oltre 5.000 famiglie cristiane pachistane riceveranno, infatti, dalla Fondazione da Aiuto alla Chiesa che Soffre cibo e aiuti di emergenza. Il progetto punta a sostenere in particolare orfani, vedove e disoccupati della capitale Islamabad, di Rawalpindi e delle diocesi di Lahore e Faisalabad. A Faisalabad il programma di emergenza di ACS include l’uso della e dei social media per diffondere informazioni utili a difendersi dal rischio del contagio da coronavirus. Ai fedeli presenti nelle verranno distribuite mascherine mentre sacerdoti, religiose, catechisti, staff diocesani e volontari saranno dotati di strumenti di protezione personale. ACS fornirà, inoltre, anche finanziario a 70 sacerdoti dell’arcidiocesi di Lahore, a 4 del Seminario maggiore ‘Redemptoris Mater’ di Karachi e ad altri 4 del seminario ‘San Francesco Saverio’ di Lahore, attraverso le offerte per le celebrazioni di Messe.

Paolo Quadrozzi
Paolo Quadrozzi
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze politiche con un master di specializzazione in Relazioni Istituzionali e Public Affairs. Si occupa di comunicazione politica e istituzionale.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,592FansLike
5,629FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x