La Polonia afferma che accetterebbe ospitare armi nucleari della NATO

Il presidente polacco Andrzej Duda lunedì si è mostrato disponibile ad accettare il dispiegamento di armi nucleari statunitensi sul territorio polacco, per rafforzare la sicurezza della NATO sul fronte orientale, mentre avanza l'invasione russa dell'Ucraina. “La Russia continua a militarizzare il distretto di Kaliningrad. Di recente ha iniziato a ricollocare armamenti nucleari in Bielorussia, quindi, se i nostri alleati decidono di posizionare armi nucleari anche sul nostro territorio (…), siamo pronti. Facciamo parte dell'Alleanza e abbiamo obblighi in merito, il che implica che mettiamo in atto una comune”, ha detto in un'intervista al quotidiano Fakt.

Nel giugno 2023, l'allora primo ministro polacco Mateusz Morawiecki aveva indicato che la Polonia intendeva dispiegare armi nucleari statunitensi in risposta al posizionamento di armi nucleari tattiche russe in Bielorussia. Adesso, Duda ammette che questo dispiegamento di armi nucleari fa parte delle “negoziazioni tra Polonia e Stati Uniti da tempo” e ha ricordato l'esistenza del programma ‘Nuclear Sharing', che consente agli Stati Uniti di posizionare il loro arsenale nucleare in paesi della NATO che non possiedono armi atomiche.

Duda ha anche parlato del suo recente incontro con l'ex presidente e candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti, Donald Trump, sottolineando che si è trattato di un incontro “privato”. “Dal mio punto di vista è un uomo politico, con cui ho collaborato per anni”, ha detto. “Ci sono molti ricordi e successi di questa collaborazione, molto importanti per me a livello personale. Voglio ricordare che abbiamo firma contratti per armamenti che erano molto importanti per la Polonia, come l'acquisto degli F-35 o l'aumento della presenza militare statunitense nel paese”, ha citato.

Riguardo a una possibile uscita degli Stati Uniti dalla NATO nel caso in cui Trump torni alla Casa Bianca, Duda ha escluso questa possibilità: “Lo conosco ed è un giocatore serio ed ostinato”.

Un mese fa, Giorgia aveva assicurato al Parlamento il sostegno dell'Italia a Kiev: “Credo che sia chiaro per tutti che oggi, grazie al fatto che c'è una maggioranza di centro-destra, l'Italia è una nazione che rispetta i suoi impegni e non possiamo affermare che sarebbe lo stesso con l'attuale opposizione al governo. Mi dicono di parlare con Viktor Orban e per chiarire il sostegno all'Ucraina. In entrambi i casi contano le decisioni e i voti. Il governo italiano ha una posizione chiara e nell'UE abbiamo ottenuto la revisione del bilancio pluriennale, per sostenere l'Ucraina nei prossimi quattro anni”, aveva detto il primo ministro.

D'altra parte, aveva concluso il suo discorso assicurando che il suo governo sta lavorando per creare le condizioni per un tavolo di negoziati. L'Italia vuole la pace, ma a condizione che essa non vada a scapito dell'integrità territoriale ucraina.

Candela Sol Silva
Candela Sol Silva
Studentessa di ingegneria, giornalista e intervistatore. È stata responsabile della campagna elettorale e addetta stampa del candidato alla Camera dei Deputati di Fratelli d'Italia in Sud America, Vito De Palma, alle ultime elezioni del settembre 2022.
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x