“La repressione a Cuba è la peggiore dell’America Latina e ci sono più prigionieri politici che in tutti i paesi del continente”: Intervista a Rosa María Payá

Quello che il signor Borrell sta facendo con il trattato di cooperazione con Cuba è una vergogna per l'Unione europea

Riportiamo l'intervista a cura di Álvaro Peñas, tradotta in italiano, pubblicata su The European Conservative

Rosa María Payá è un'attivista cubana per la libertà e i diritti umani a Cuba. Laureata in Fisica all'Università dell'Avana, ha frequentato il programma Global Competitive Leadership presso la Georgetown University di Washington. Figlia del dissidente Oswaldo Payá, morto in un incidente stradale nel 2012 (per il quale la Commissione interamericana per i diritti umani ha attribuito la responsabilità agli agenti di Castro), è la fondatrice dell'iniziativa Cuba Decide, un'iniziativa cittadina che mira a riformare il sistema politico e lo Stato di diritto di Cuba.

Purtroppo ci sono molte persone che hanno ancora una concezione romantica di Cuba. Fino a che punto arriva la repressione a Cuba?

Ho amici in prigione per aver condiviso dei post su Facebook, e una ragazza di 22 anni è stata appena condannata per aver trasmesso una delle proteste con il suo telefono. Questo è il livello di repressione con cui viviamo a Cuba. A Cuba ci sono più di 1.100 prigionieri politici. In una dittatura, un prigioniero politico non è solo qualcuno che appartiene a un partito o a un altro; sono persone che sono scese in piazza per gridare “libertà”; sono leader sociali e membri di movimenti di opposizione; sono artisti come il rapper cubano Maykel Osorbo, che ha ricevuto un Grammy mentre era in prigione. La repressione a Cuba è la peggiore dell'America Latina e ci sono più prigionieri politici a Cuba che nella somma di tutti i Paesi del continente, anche tenendo conto di Paesi come Bolivia, Nicaragua e Venezuela.

Per darvi un'idea, probabilmente il più importante leader dell'opposizione cubana, José Daniel Ferrer, è imprigionato dall'estate del 2021 in una cella di isolamento in decomposizione. Ogni 3-4 mesi permettono alla moglie e alla figlia di avvicinarsi alla porta della cella per un paio di minuti e controllare che sia ancora vivo. Inoltre, la costituzione della dittatura minaccia con la pena di morte chiunque voglia cambiare il sistema politico ed economico del Paese: comunismo e socialismo. È una minaccia che mettono in atto, perché mio padre è stato assassinato insieme a Harold Cepero, un altro leader del Movimento cristiano di liberazione; così come il regime ha assassinato i manifestanti nelle strade nell'estate del 2021. La repressione è brutale e cerca di mettere a tacere dissenso. Ma nonostante questo, e nonostante la fame, la gente continua a manifestare nelle strade e le proteste aumentano ogni anno perché la situazione economica è un disastro e siamo sull'orlo di uno Stato fallito. I cubani non hanno smesso di ribellarsi e c'è la convinzione generale che l'unica via d'uscita dalla crisi sia l'uscita dalla dittatura. Questa è sempre stata l'unica opzione.

Nonostante le proteste e la repressione, vediamo come gran parte della comunità internazionale mantenga una posizione ambigua nei confronti della dittatura, come nel caso del governo spagnolo di Pedro Sánchez o del rappresentante dell'UE Josep Borrell. Qual è secondo lei la ragione di questa indifferenza?

Da un lato, abbiamo un apparato di propaganda molto potente che, ad esempio, ha trasformato un assassino di cubani, Che Guevara, in un'icona della gioventù internazionale; o un egocentrico narcisista, Fidel Castro, in un'icona del progressismo. Oggi questi gruppi controllano i media internazionali, come Prensa Latina, che traduce la propaganda del Partito Comunista Cubano in francese, arabo o inglese, e anche quella di Russia Today, che in questo modo raggiunge il pubblico europeo. Questo apparato di propaganda è molto influente e si combina con la mediocrità di molti governi democratici, una mediocrità che ha connotazioni tragiche per i cubani e anche per gli europei.

Perché Pedro Sánchez riceve Díaz Canel a Bruxelles quando il presidente cubano collabora con Putin nella sua aggressione all'? Perché l'UE firma trattati di cooperazione con Cuba che danno centinaia di milioni di euro a un regime che riesce a gestire bene solo la repressione? Perché l'Europa finanzia un regime che perseguita il suo popolo? Questo è il risultato della complicità di politici come il signor Borrell, che ha favorito questo accordo. Il Parlamento europeo ha chiesto la sua cancellazione a causa della mancanza di rispetto dei diritti umani da parte del regime, ma Borrell continua a sostenerlo, nonostante sia un'evidente contraddizione con gli interessi europei.

Lei ha citato il ruolo di Cuba come divulgatore della propaganda del Cremlino. L'UE sanziona la Russia, ma non fa nulla per Cuba.

Va ricordato che il regime cubano è il più importante alleato transatlantico di Putin e, secondo i dati di un anno fa, ci sono almeno 3.000 cubani in prima linea in Ucraina a combattere sotto la bandiera russa. Il regime cubano è stato parte attiva di questa aggressione contro l'Europa non solo attraverso il suo apparato militare e di propaganda, ma anche attraverso la sua influenza diplomatica, che è molto grande.

Ci sono state alcune notizie, anche sui canali russi, sull'ammutinamento dei soldati cubani che sono stati maltrattati dai loro alleati o che rifiutano di essere usati come carne da cannone. Sa qualcosa dei cubani che si trovano in Ucraina e in quali condizioni sono stati inviati?

Ci sono membri delle agenzie militari del regime e anche civili, per lo più molto giovani, che per sfuggire alla miseria hanno colto questa “opportunità” di ottenere un passaporto straniero – russo. Molti di loro (e questo è stato denunciato dalla stampa internazionale) arrivano in Russia pensando di lavorare nell'edilizia, ma vengono ingannati e mandati al fronte. Non c'è dubbio che si tratti di un'operazione della dittatura: nessun giovane in età militare può lasciare il Paese senza l'autorizzazione del regime. Oltre alla dichiarazione di sostegno di Cuba all'invasione, Díaz Canel incolpava l'Europa e gli Stati Uniti per la guerra.

L'alleanza strategico-militare e del regime cubano con Putin è evidente. L'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, quando ha espulso la Russia come Stato terrorista, ha indicato Cuba come alleato della Russia nell'aggressione all'Ucraina. Quello che sta facendo Borrell è una vergogna per l'Unione Europea.

Sánchez e Borrell appartengono allo stesso partito politico di José Luis Rodríguez Zapatero, ex presidente spagnolo e membro di spicco del Gruppo di Puebla. Questo legame può spiegare l'atteggiamento compiacente nei confronti del regime cubano?

Assolutamente sì, ma il legame è più diretto e strategico. Il Gruppo di Puebla è la continuazione del Forum di San Paolo, che si è bruciato a livello internazionale e ha cambiato il suo marchio, ma non i suoi membri. Uno dei compiti principali del regime cubano, da quando è salito al potere, è stata la formazione di un'agenzia di intelligence. Tale agenzia, il G2, è stata organizzata con l'aiuto del KGB (da cui proviene Putin) e della Stasi, e oggi controlla l'intelligence militare venezuelana. Dopo la caduta del Muro di Berlino, il modo in cui Fidel Castro ha mantenuto la sua influenza è stato il Forum di San Paolo, organizzato insieme a Lula da Silva, una piattaforma politica che comprendeva la maggior parte delle forze di sinistra del continente, sia democratiche che terroristiche. Il Forum di San Paolo e l'ingerenza dei servizi segreti cubani, infiltrati in tutti i Paesi della regione, hanno aiutato Hugo Chávez a salire al potere e a saccheggiare il denaro del Venezuela.

Questo è l'inizio dell'espansione del “socialismo del XXI secolo”, che mira a mettere al potere gli alleati di Castro e che è ancora molto attivo oggi. È l'approccio che ha permesso anche l'infiltrazione di Cina, Russia e Iran nella regione. Non stiamo parlando di un romanticismo, in molti casi assurdo, della sinistra internazionale nei confronti di Cuba; stiamo parlando di un apparato di intelligence che funziona da 60 anni, che non deve dare spiegazioni o rendere conto a nessun parlamento, e che continua a funzionare nonostante il disastro e la debolezza del regime sull'isola. Ma è molto difficile sconfiggere la repressione e il suo monopolio della violenza senza una comunità internazionale impegnata nella causa, e questo è ciò che noi cubani non abbiamo.

È sorprendente che, nonostante la debolezza interna, il regime mostri una tale forza all'esterno, come quando intervenne militarmente in Angola durante la Guerra Fredda. L'impressione è che il regime sia gestito dai servizi segreti.

Assolutamente sì. I vertici dell'apparato di intelligence sono la famiglia Castro e alcuni altri generali. Cuba è governata da un sistema di intelligence; il resto sono le facce civili messe in scena da questo apparato militare. Non si parla molto dell'interventismo cubano, ma oltre all'Angola, il regime è intervenuto nella guerra dello Yom Kippur, in Sudafrica e in Etiopia. Questo è servito a esercitare una grande influenza in molti Paesi.

Il problema nasce quando ci si chiede chi stia affrontando questa avanzata dell'autoritarismo a livello globale, e soprattutto nelle Americhe.  Nessuno lo sta facendo con gli stessi strumenti del regime cubano. La comunità internazionale, cioè le restanti democrazie delle Americhe, l'UE e gli Stati Uniti, hanno la possibilità di diventare una minaccia credibile per gli interessi economici, personali e criminali del gruppo di famiglie militari che controllano il regime cubano. È nelle loro mani essere un elemento di pressione per accompagnare la lotta del popolo cubano per la libertà.

L'amministrazione Biden ha appena permesso alle banche statunitensi di fare affari con il “settore privato cubano”, il che suona piuttosto strano in una dittatura comunista. Come si spiega questa ingenuità?

Il regime cubano utilizza un metodo per influenzare e ottenere concessioni dagli Stati Uniti. In cinque occasioni ha creato crisi migratorie per destabilizzare e ricattare il governo statunitense. L'ultima risale al novembre 2021, quando il regime ha stretto un accordo con Daniel Ortega in Nicaragua per rimuovere le restrizioni sui visti per i cubani. Da allora almeno 400.000 cubani hanno attraversato il confine meridionale, il che rappresenta il 3% della popolazione dell'isola. Questo è diventato un'arma di pressione che ha spinto il governo statunitense ad agire in modo assurdo.

A Cuba non esiste un settore privato. Ci sono cubani che cercano di sopravvivere con piccolissime iniziative al di fuori del regime. E c'è una nuova classe di aspiranti oligarchi e prestanome dei militari, che sono quelli che possono importare beni dall'estero e che sono il mezzo del regime per aggirare eventuali sanzioni. Molti di questi prestanome sono repressori del regime. È una mediocre emulazione della creazione di un'oligarchia di tipo russo. È così rozzo; quindi è molto triste che gli Stati Uniti, sapendo questo, facciano concessioni al regime cubano.

Pensa che il nuovo presidente argentino, Javier Milei, che ha assunto una posizione molto anti-regime, possa segnare una svolta?

Milei è stato molto chiaro nel condannare il castrismo e le dittature venezuelana e nicaraguense. Ha ridotto le relazioni diplomatiche con il regime, il che è un segno di solidarietà con il popolo cubano e un gesto di autoprotezione, perché le ambasciate cubane sono nidi di agenti dei servizi segreti. Credo che Milei sia molto ben orientato e che le altre democrazie dell'America Latina farebbero bene a seguire la sua linea per una questione di autoconservazione.

Come si può sconfiggere il regime cubano?

L'Europa deve smettere di finanziare il castrismo e gli accordi bilaterali devono finire. Non ho dubbi sul fatto che il modo migliore per spezzare il regime sia quello di soffocare i suoi interessi personali e criminali, che non hanno nulla a che fare con il popolo. Il popolo cubano sta offrendo, con la sua lotta nelle strade, l'opportunità alla democrazia globale di porre fine alla testa della piovra totalitaria in America Latina. Noi, come società civile e opposizione, abbiamo una strada percorribile a partire dalla nostra iniziativa, condivisa da molte organizzazioni di opposizione. Si chiama Cuba Decide e consiste nell'indire un plebiscito vincolante e nell'avviare un processo di transizione verso la democrazia.

Per organizzare un plebiscito vincolante, non sarebbe necessario che una parte del regime si rivoltasse contro il regime stesso?

Le nostre speranze non sono riposte negli oppressori del popolo cubano, ma al momento gli oppressori stanno decidendo se sparare o imprigionare i manifestanti. E l'elemento che può far sì che la decisione vada nella direzione di sottomettersi al popolo piuttosto che contro di esso è la pressione della comunità internazionale sui loro interessi economici, personali, familiari e mafiosi.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

2 Commenti

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

2
0
Would love your thoughts, please comment.x