Mafia, Meloni da Vespa: occorre essere fermi. Fiera dei provvedimenti del Governo

L'intervista di Giorgia Meloni di ieri sera per lo speciale di Porta a Porta dedicato alle vittime di mafia

“Queste immagini mi hanno portato esattamente dove sono, l'ho raccontato tante volte. E' in quel 19 luglio che ho deciso di impegnarmi in , perché ho pensato, davanti alle immagini di quella devastazione, che non si potesse rimanere indifferenti”. Così il Presidente del Consiglio, Giorgia , parlando dell'omicidio di Paolo Borsellino nel corso dello speciale di Porta a Porta sulle mafie che è andato in onda ieri sera.
“Avevo 15 anni, mi aveva già colpito l'omicidio del giudice Falcone, il funerale. Era la prima volta che c'era stata una reazione popolare al tema della ” ma il delitto Borsellino “mi colpì ancora di più perché ho pensato spessissimo” che Paolo Borsellino “era perfettamente consapevole di come sarebbe andata a finire”, ha aggiunto Meloni.

“Sono estremamente fiera”, ha proseguito, del fatto “che il primo provvedimento” del governo “è stato difendere il carcere ostativo”, ovvero “uno degli elementi piu' forti della legislazione antimafia, “rischiavamo di smontare una delle cose piu' efficaci di cui l'antimafia dispone”.

E sul PNRR: “Il fatto che la mafia oggi sia meno visibile negli attentati, non vuol dire che non continui a fare i propri affari. Anzi. È un momento in cui abbiamo molti investimenti, il Pnrr, bisogna essere estremamente fermi. Usano le nuove tecnologie, usano qualsiasi cosa. Bisogna essere veloci e mettersi continuamente in discussione”. 

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x