Ue: Fidanza (FdI), agricoltura italiana è sostenibile, va incentivata e non gravata

“La risposta dell’Ue alla crisi in campo agricolo non è stata sufficiente, soprattutto per il mancato sostegno a settori molto colpiti come il florovivaistico, il suinicolo e il vitivinicolo. Abbiamo invece apprezzato gli interventi di semplificazione su pagamenti e controlli PAC e quelli per garantire corridoi verdi per le merci e per gli stagionali. Quest’ultimo è stato sciaguratamente vanificato dal governo Conte con la sanatoria degli immigrati irregolari”. È quanto ha dichiarato il capodelegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento europeo, Carlo Fidanza, intervenendo all’incontro su Agricoltura e Sviluppo rurale nel Bilancio Ue 2021-2027 ed emergenza Covid 19 promosso dalla Commissione Europea e dall’Europarlamento. “Ora la partita si sposta sulle risorse previste dalla nuova proposta di Bilancio Ue e sulle regole della strategia “Farm to fork”. Le risorse sono ancora insufficienti e la strategia pecca di un alto tasso di ideologia. Dobbiamo difendere il dal rischio che venga reso obbligatorio il e le nostre aziende da un approccio che rischia di sacrificare la loro sostenibilità economica sull’altare di una presunta maggiore sostenibilità ambientale. Il modello agricolo italiano è già tra i più sostenibili d’Europa, va difeso e incentivato e non gravato di nuovi oneri”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,506FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati