Video. Meloni: Pronti a difendere i confini dell’Italia.

“Dal 2011 ad oggi, ovvero da quando la sinistra è al governo, sono sbarcati sulle coste italiane più di 800.000 migranti. Quasi un quinto, oltre 140.000 persone, solo negli ultimi due anni. Anche con una interpretazione molto generosa delle norme sui rifugiati che è stata applicata dall’Italia in questi anni solamente l’8% di chi è sbarcato illegalmente ha ottenuto il diritto ad asilo o protezione. Gli altri, per la quasi totalità uomini soli adulti in età da lavoro, sono semplicemente immigrati illegali. Una situazione insostenibile, anche in termini di sicurezza, per l’Italia e per l’intera Europa. Proprio l’Unione europea da anni chiede agli Stati membri, e in particolare all’Italia, di difendere i confini nazionali ed europei. Nel 2017 la Commissione ipotizzava un blocco navale, si proprio il blocco navale, per fermare la partenza dei barconi e le morti in mare, e numerose altre volte ha chiesto misure serie e concrete di rafforzamento delle frontiere esterne e di cooperazione con i Paesi terzi per il contrasto all’ illegale. È il contenuto anche del nuovo patto UE per la migrazione e l’asilo voluto da Ursula Von der Leyen. Questo è l’unico caso, in pratica, in cui “ce lo chiede l’Europa” ma non piace alla sinistra e non va bene. Fratelli d’Italia propone il blocco navale perché, come abbiamo spiegato mille volte, si tratta una missione europea in accordo con gli Stati del Nord Africa per fermare, insieme a loro, la tratta di esseri umani e istituire in territorio africano hotspot gestiti insieme all’Unione europea, dove vagliare le richieste di asilo e distinguere chi ha diritto alla protezione internazionale da chi quel diritto non lo ha. Vogliamo ribadire un principio semplice: in Italia si entra solo legalmente, perché non facciamo gestire i flussi migratori verso la nostra Nazione da criminali, scafisti o peggio da chi vuole destabilizzare la nostra Nazione e l’Europa”.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

2 Commenti

  1. Giustissimo. Per me si dovrebbero fare anche campagne su internet africano dirette a questi poveracci facendo vedere che in Europa si sta male ora come ora ed in particolare che arrivando in Italia, dove si sta malissimo, NON è possibile poi arrivare altrove in Europa (Francia e Germania, dove questi hanno parenti e conoscenti che vogliono raggiungere). Questo perchè gli africani potrebbero migrare in Africa, mi pare che in Egitto, in Kenia, in Cameroun, in Gabon, in Tanzania, in Sudafrica si può stare bene come questi sognano si possa in Europa e dunque bisogna informare i giovani africani che per vivere una vita dignitosa e serena ci sono possibilità vicino a dove sono nati e NON E’ IL PARADISO l’Europa come i loro parenti e conoscenti raccontano (tanti africani che ho visto essere barboni a Parigi, di certo non lo raccontano ai loro parenti, al contrario si vantano della capitale francese quant’è bella, non dicono che vanno ai Resto du coeur per aver da mangiare !).

  2. Allora se c’è un caso in cui non si seguono le direttive europee, e lo fa proprio la sinistra europeista significa che si può mandare a quel paese anche per altri motivi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,719FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati