David Puente in commissione anti fake news: da Di Pietro, passando per Casaleggio e Boldrini, una storia di “specchiata imparzialità”

Istituita la commissione anti fake news, se non è oltraggio anche questo, sarebbe ben il caso di soffermarsi sui suoi componenti, se non altro perché avremmo quanto meno diritto di sapere a chi è affidata la valutazione delle nostre opinioni.

Tra gli esperti di bufale è stato reclutato il noto debunker in forze ad OPEN David Puente, che nonostante fosse stato esortato dal suo direttore Mentana a non accettare l’incarico, con un lungo post su fb (scritto evidentemente mentre si arrampicava su una parete di cristallo) ci illumina sui motivi che invece lo hanno indotto ad accettare: “No alle sante inquisizioni, no ai ministeri della verità, vado e faccio parte della commissione perché altrimenti altri non saranno così equanimi e disinteressati come invece lo sono io, darò una mano ai cittadini e non al governo, le linee guida le detto io”.

Tralasciamo il delirio di onnipotenza e chiediamoci quanto possiamo essere tranquillizati da questa dichiarazione d’intenti, magari raffrontandola con la storia personale e professionale del Salomone de Noantri.

Politicamente, perché Puente ha anche un embrione di storia politica, nasce nell’Italia dei Valori, diventando anche coordinatore regionale del Friuli Venezia Giulia del movimento giovanile del Partito di Di Pietro. Poi strada politica facendo si invaghisce dei Meet Up a 5 stelle e ne organizza alcuni trasportato dalla forza trascinante dell’idea di Beppe Grillo.

Matrice costante di queste esperienze è il giustizialismo esasperato dei partiti in cui il Nostro ha militato.

La sua “storia” politica tuttavia, va di pari passo con la costruzione della propria storia professionale. Inizia il suo percorso nella Casaleggio e Associati, curando proprio il blog personale e la comunicazione di Antonio Di Pietro. Dopo la rottura tra Di Pietro e Casaleggio, Puente resta in forze all’agenzia di comunicazione, abbraccia le idee grilline e successivamente segue personalmente a contratto alcuni esponenti del M5S. Dopo aver costruito delle solide basi, poi, abbandona il Movimento in aperto contrasto con i politici, ma bene con Casaleggio, col quale seguita ad intrattenere rapporti di cordialità.

Ora può camminare da solo e inizia ad interessarsi esclusivamente della causa che più gli sta a cuore: la caccia alle bufale che tanto affliggono il web e che pericolosamente narcotizzano il popolo bue. Si fa un nome, la Presidenta Boldrini lo nota nella folla e se lo accaparra.

Lo fa consulente della Presidenza della Camera dei Deputati per un progetto di sensibilizzazione contro le bufale, ne nasce uno studio che è probabilmente base dottrinale per la famigerata Commissione Boldrini, trasformata con questa legislatura nella nota Commissione Segre.

Non è nuovo, dunque, Puente ai progetti di pacata “sensibilizzazione” dell’opinione pubblica, lo possiamo definire un ideologo del settore. Eppure si dice un uomo libero che ha scelto di fare del debunking una ragione di vita, che lo scovare bufale è una missione innanzi tutto culturale, nella sua narrazione un mestiere da supereroi, dimentica però che ognuno ha il proprio posto nella società e che se Batman a Gotham City non lo hanno nominato ministro dell’interno una ragione ci sarà.

E dunque, in fondo in fondo, non si sa quanto si possa dormire sonni tranquilli dopo aver esposto sul web e sui social le proprie idee sul Covid 19, considerato che il controllore, non solo non è da nessuno controllato, ma ha note propensioni giustizialiste con pennellate dem e solida e non celata attitudine anti sovranista, chissà cosa consiglierà di censurare allo zelante sottosegretario all’editoria inventore della commissione anti fake news.

Date le premesse, torna alla mente che nel 1922 nasceva l’ufficio stampa del presidente del Consiglio, che nel 1934 viene trasformato nel sottosegretariato per la stampa e la propaganda, che nel 1935 viene denominato Ministero per la Stampa e la Propaganda, che nel 1937 assume l’assetto definitivo: nasce il MinCulPop … nulla di nuovo sotto il sole?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,721FansLike
3,550FollowersFollow

Leggi anche

Vincenzo Maria Tripodi e gli eroi della nostra quotidianita’

“Una pizza in via ...”. Tanto è bastato al giovane poliziotto Vincenzo Maria Tripodi per capire che dietro quella richiesta strana non vi fosse...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Vincenzo Maria Tripodi e gli eroi della nostra quotidianita’

“Una pizza in via ...”. Tanto è bastato al giovane poliziotto Vincenzo Maria Tripodi per capire che dietro quella richiesta strana non vi fosse...

Lockdown. Quei verbali che sbugiardano Conte.

«Questo governo non agisce col favore delle tenebre», assicurava “Camaleconte” in pieno lockdown nella celebre conferenza stampa stile caudillo sudamericano. Davvero? Pochi giorni fa ha...

Rete Unica, Meloni: sulla Rete o si fa la separazione strutturale o si applica la Legge 136 del 2018

“Il progetto sul futuro della rete sostenuto dal governo va in direzione opposta alla soluzione approvata dall’attuale Parlamento e in linea con il quadro...

Dl Agosto, Meloni: blocco licenziamenti solo con Cassa Integrazione, proposte FdI avrebbero aiutato ma sono state tutte bocciate

“È giusto bloccare i licenziamenti unicamente se il blocco dei licenziamenti corrisponde senza limitazioni al pagamento della cassa integrazione. Perché una cosa è che...