6 Aprile 2009 – 6 Aprile 2021: Ricordare il passato per guardare al futuro.

Sono trascorsi 12 anni dalla terribile notte del 6 aprile 2009 in cui un sisma di magnitudo 6.3 ha devastato il centro storico dell’Aquila e decine di paesi provocando 309 vittime e migliaia di sfollati.

Ricordare questo drammatico evento costituisce un momento di riflessione affinché tragedie come quella dell’Aquila non accadano più.

Perché tutto parte dal ricordo, dalla memoria e dalla consapevolezza che i terremoti esistono da sempre e che è l’uomo che li ha resi catastrofici con le opere che ha realizzato. La colpa, quindi, non è dei terremoti che si verificano ma dell’uomo che ha costruito senza tenerne conto.

Il confrontarsi con l’attività sismica del nostro paese è un’esperienza radicata profondamente nell’animo di tutti gli e nonostante l’elevato grado di pericolosità sismica del nostro territorio, con oltre 30 mila terremoti di media e forte intensità in 2500 anni, una reazione propositiva non è automatica. Gli interventi normativi e tecnici da parte
degli addetti ai non sono mancati, ma ancora non si è giunti ad una presa di coscienza tale da rendere capillare la diffusione della prevenzione sismica.

Purtroppo in Italia manca una vera strategia di difesa e contenimento dei danni sismici e gli appelli rivolti al precedente Governo e all’ex capo dipartimento della protezione civile Angelo Borrelli sono rimasti praticamente inascoltati.

A fronte di ciò, è necessario un cambio di rotta che porti ad una svolta nel piano di prevenzione sismica da parte del nuovo governo Draghi dal quale ci si aspetta un esplicito e chiaro riferimento alla mitigazione del rischio sismico nel Plan, attualmente assente, e appunto una strategia nazionale a breve, medio e lungo termine in grado di modificare le prospettive di impatto di futuri sismi.

Inoltre, investire nella prevenzione sismica significherebbe dare impulso allo economico del Mezzogiorno, area particolarmente esposta a sismi di notevole entità, la cui crescita e ammodernamento non possono prescindere da una di mitigazione del rischio.

Bruno Di Bastiano
Bruno Di Bastiano
Ingegnere civile strutturista e coordinatore di Gioventù Nazionale della Provincia dell'Aquila. È laureato in Ingegneria Civile presso l'Università degli Studi dell'Aquila e ha conseguito il Master di II Livello in Progettazione Sismica presso il Politecnico di Milano. Si occupa principalmente della progettazione strutturale e direzione lavori di edifici in acciaio, c.a. e muratura, e della valutazione della sicurezza di ponti e viadotti esistenti.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,387FansLike
5,897FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x