60 anni di Sinistra a Napoli, analisi di un fallimento.

Il pregevole intervento del Prof. Barbagallo sul Mattino di giovedì sulle condizioni del centrodestra a Napoli, merita un una interlocuzione ed una analisi più approfondita.
Barbagallo infatti sembra quasi sollecitare una risposta da parte della sponda di uno schieramento che al momento sembra confuso ed in vertiginosa dissoluzione.

L’onestà intellettuale di Barbagallo emerge nel tono quasi di rammarico per la inesistenza di una credibile e concreta proposta del centrodestra, a fronte di quel che oggi la realtà presenta come il fallimento complessivo delle azioni di governo della città che proprio per la abnorme longevità della sua permanenza non può trovare ne alibi ne giustificazioni.
Salvate le buone intenzioni e anche la buona fede di Valenzi e di Bassolino, ed io aggiungerei Jervolino, il risultato di 60 anni di amministrazioni di sinistra, in tutte le sue manifestazioni, dal centrosinistra pentapartito, alla sinistra ortodossa o alla sinistra antagonista , porta ad un “bilancio storico non può certo definirsi esaltante”.

Ed infatti l’analisi lucida ed impetuosa dello storico riassume in pochi flash sferzanti la realtà di fallimenti conseguiti della sinistra sulle questioni irrisolte della città da Bagnoli, al Centro Storico o al del degrado delle periferie. Eppure, quasi deluso, scrive Barbagallo, di fronte all’ignavia ultradecennale della sinistra, nelle sue variegate modalità, un centrodestra capace di rappresentare i ceti produttivi e “ robuste energie locali”, potrebbe proporsi come alternativa allo sfascio di una città alla deriva.

Ma un ulteriore passaggio oltre la lucida analisi dello storico richiede una riflessione sulle motivazioni di un fallimento che non si può giustificare solo con malcostume, burocrazia e sistema clientelare. Cosicchè il centrodestra potrà costruire una proposta programmatica credibile proprio partendo dalla analisi delle ragioni del fallimento della sinistra che risiedono in un filo conduttore che attanaglia tutte le esperienze amministrative degli ultimi 60 anni.

E’ il filo conduttore del pregiudizio ideologico, dell’astratta utopia ecologista e e delle scorie pseudo socialisteggiante , che ha costantemente impedito lo sviluppo della città, nonostante generosi  tentativi di liberarsene.

Penso alla Variante di Bagnoli, o al veto di Demagistris sul termovalorizzatore, autorizzato dopo un travaglio di 15 anni dalla Jervolino, o al rifiuto del Piano parcheggi della Tognoli, oppure ai mostri di edilizia popolare di Scampia e delle periferie, o ancora alla follia di un lungomare bloccato al traffico senza alternative di viabilità.

Per questo,  al netto delle diatribe interne dei partiti, che sono il frutto di un arroccamento autoreferenziale, il centrodestra è in condizioni di poter offrire ai napoletani una proposta programmatica che parta dal coinvolgimento del ceto produttivo, imprenditoriale e professionale oltre che dall’associazionismo, con la credibilità di una libertà di azione pragmatica che la sinistra non ha avuto a Napoli e non potrà avere per incapacità intrinseca, a maggior ragione se sarà condizionata da 5S e/o centri sociali. Un progetto di per una città riorganizzata urbanisticamente nel senso di una predisposizione ad una centralità rispetto ai grandi flussi economici e commerciali, dando sviluppo alle attività portuali e alla valorizzazione dell’area est come snodo intermodale, dando spazio ed incentivi all iniziativa privata senza falsi e dannosi pregiudizi.

Un accenno, solo per dare il senso di quello che solo il centrodestra può realizzare in alternativa al fallimento di una sinistra veteroideologica.

2 Commenti

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Valerio Barone

Caro Luciano, condivido le possibili aree d’intervento per venire fuori dai fallimenti di un’ultra decennale gestione politica di sinistra per Napoli (Bagnoli, centro storico, lungomare, ecc). Mi augurerei veramente che una classe politica di centrodestra riesca a dimostrare la capacità di porre rimedio a tali sciagurati fallimenti.

Gianni Grassi

Personalmente concordo con il tuo pensiero. Come già ti avevo accennato in un incontro prima dell’estate è però necessario che accanto a progetti concreti da evidenziare in dettaglio -per essere convincenti- proprio in quei campi in cui la sinistra ha solo fatto chiacchiere e illuso la popolazione, la destra intervenga anche in modo chiaro, puntuale e continuo, in quegli ambiti oggi particolarmente sentiti dalla gente (ad es. ecologia, difesa del territorio) che non so per quale motivo sembrano nell’immaginario collettivo – sopratutto nei giovani- di esclusivo interesse della sinistra che se ne fa – da tempo- convincente portavoce anche senza risultati realmente apprezzabili quando non figli di mera propaganda, continuando poi ad attribuire alla destra il solito generico ruolo di chi cerca solo il profitto a scapito delle generazioni future.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,969FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x