A proposito del Greenpass: un’analisi quantitativa smentisce Draghi?

Il fatto è vecchio; queste righe fuori attualità sono solo un approfondimento quantitativo: tuttavia pur essendo fuori tempo massimo, pensiamo sia meritevole di scrittura ed anche -umilmente – di vostro interesse, poiché quel che è accaduto non si era mai visto.

Un presidente del Consiglio che si produce in affermazioni non vere e che in BCE gli sarebbero valse la censura per palese non competenza sul tema. La frase sulle responsabilità dei non vaccinati nell’infettare è ormai storia della Repubblica, nella convinzione che esso sia stato malinformato e non sia tattica dirigista.

È possibile – ma azzardato e da non fare – smentire il sig. Primo Ministro solo per una intervista di Fauci, posta l’abitudine di quest’ultimo a contraddirsi, passando da una opinione all’altra come nel caso recente dell’audizione in senato sul finanziamento americano del Laboratorio di Wuhan.

Per il totale rispetto di una dialettica tra cittadino e istituzioni che contraddistingue i valori della Destra, ci affidiamo quindi ai fatti approfonditi nel documento del MMWR (MMWR early release/vol.70) , Il “bollettino settimanale sulla Morbilità e Mortalità” del 30 luglio : quantitativamente preciso e dettagliato , per struttura e serietà non contestabile.

Fauci – supponiamo – si basi anche su questo documento, che prende in esame e trae conclusioni da un numerosi eventi di “outbreak” epidemici avvenuti nel mese di luglio nella contea di Barnstable nel Massachusetts , in occasione di grandi e piccoli assembramenti turistici.

Seguendo le parole del Primo Ministro e posto che il 69% dei residenti in Massachusetts è vaccinato con la totalità delle dosi necessarie per i diversi sieri , la primissima conclusione ipotetica, è che con un livello di copertura tutto sommato non insignificante e secondo le teorie -sperimentali- della scienza medica in tema di Sars-Cov2 e malattia COVID-19, le probabilità per i vaccinati di infettarsi e essere ricoverati siano -per inferenza- basse, mentre siano alte quelle dei non sottoposti al trattamento.

Ma il ragionare per inferenza è rischioso: la realtà è stocastica, non lineare ed il futuro è sconosciuto, tutto può accadere. Anche che i fatti smentiscano completamente assunzioni mediche di base e che hanno indotto – speriamo-le parole del Primo Ministro.
In sintesi e citando fedelmente il documento, negli eventi di “outbreak” considerati nelle settimane di luglio:

– fatto 100% (469) i casi riportati positivi il 74% (346) erano completamente vaccinati
Di questi:
– il 79% (274) sono risultati sintomatici
-5 ricoverati in ospedale di cui: 4 completamente vaccinati e 1 non vaccinato
-la carica virale (RT-PCR) presente nei 127 vaccinati era simile a quella degli 87 non “protetti” o dei quali non si ha conoscenza se vaccinati o meno.

Il bollettino trae una prima conclusione: nessun evento mortale pochi ricoveri e dunque il trattamento sanitario funziona -ed è consigliabile- nell’attutire -come sapevamo – l’aggravarsi della malattia in forma grave e letale.

Ma non evita né il contagio né la trasmissibilità che non è solo a senso unico come sostiene Draghi, tantomeno rende i non trattati maggior veicolo di infezione essendo la carica virale uguale se non leggermente superiore.

Da cui la seconda conclusione del bollettino, ripresa da Fauci: utilizzare le protezioni al chiuso anche per i vaccinati.

Ciò nonostante restano e pesano come offensive su milioni di Italiani le parole del PM e l’adozione immotivata del certificato verde, drammaticamente illiberale e discriminatorio.

Fabrizio Jorio Fili
Fabrizio Jorio Fili
Fabrizio Jorio Fili su La Voce del Patriota.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,495FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati