mercoledì, Agosto 5, 2020

Brava Chiara, chi ti critica non sa cosa dice

In questi giorni è andato in scena un altro teatrino farzesco della commedia all’italiana, con commenti poco lusinghieri, a voler essere generosi, nei confronti dell’imprenditrice e influencer Chiara Ferragni, per lo shooting fotografico da lei eseguito all’interno degli Uffizi.

Tra commenti di una violenza inaudita, critiche al modus operandi pubblicitario adottato dal Museo fiorentino – il che dimostra quanto in Italia siamo indietro nel settore pubblicitario, comunicazione e di marketing – ed un quantitativo vergognoso di ignoranza mista ad invidia sociale, abbiamo scoperto un lato del nostro Paese deleterio, principale responsabile delle nostre sfortune politiche, economiche e sociali: la voglia di puntare sempre il dito nei confronti di chi, condivisibilmente o meno, si adopera.

È inconcepibile, oggettivamente, comprendere cosa frulli nel cervello di quelle persone che, per antipatia o reale astio, sviliscono l’operato di una ragazza – lei si realmente fattasi da sé, con buona pace di chi afferma che vende il nulla – che ha contribuito a far conoscere al mondo il patrimonio artistico e culturale, di inestimabile valore, fiorentino ed italiano.

Non è un segreto che la promozione di arte e turismo, oggi più che mai, deve essere una battaglia di tutti, nell’interesse del Paese e della sua gente, e poco male se vi sono legittimi ritorni personali e di immagine. Anche perché, giova dirlo, l’iniziativa della Ferragni, come valore aggiunto, è stata una iniziativa di pura immagine: leggasi, per i fan dell’honestah, #gratis.

Ha fatto pubblicità gratuita ad un’eccellenza italiana, ingenerando curiosità massmediatica nei confronti della principale galleria culturale del Paese. Ha portato un afflusso ingente di giovani nei giorni seguenti, un bel +27% rispetto alle stime del periodo.

#GRATIS.

Chi non comprende, ad oggi, l’importanza della comunicazione e del marketing nel garantire il benessere della comunità, dovrebbe configurarsi con la realtà in modo più sereno.

Da, forse, fastidio che sia giovane? Bella? Ricca? Furba?

Forse, purtroppo, troveremo prima la cura per il Covid – 19 che per l’invidia sociale.

Nello Simonelli
Nello Simonelli
Nello Simonelli nasce ad Avezzano (AQ) il 26 novembre 1988. Sin da bambino interessato a tutto ciò che verte intorno al mondo del giornalismo e della scrittura, si laurea in giurisprudenza all’Università degli Studi di Teramo nel 2014, per poi dedicarsi ad attività che spaziano dal teatro alla dirigenza sportiva, dedicandosi ad ulteriori studi nel ramo del marketing e della comunicazione oltre che del diritto sportivo. Lavora presso lo Studio Legale Simonelli di Avezzano, è responsabile del circolo cittadino di Nazione Futura, scrive per diverse testate locali, nella Marsica ed in Abruzzo, e di approfondimento politico e sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,710FansLike
3,544FollowersFollow

Leggi anche

Insulti a Meloni. Quella sinistra alla Veronesi che odia le donne di destra.

Che a sinistra fossero campioni mondiali nella disciplina “Due pesi e due misure” è storia arcinota: la sinistva paviolina con la puzza sotto il...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Insulti a Meloni. Quella sinistra alla Veronesi che odia le donne di destra.

Che a sinistra fossero campioni mondiali nella disciplina “Due pesi e due misure” è storia arcinota: la sinistva paviolina con la puzza sotto il...

Decreto semplificazioni e proroga stato di emergenza. La grande truffa.

La grande truffa della proroga dello stato di emergenza fino al 15 ottobre, oltre a non essere sorretta da alcuna motivazione di natura tecnica...

L’ONG: processare anche le idee politiche. Siamo alla dittatura immigrazionista?

"Il Senato ha votato l'autorizzazione a procedere davanti al Tribunale di Palermo nei confronti dell'ex Ministro dell'Interno, Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona...

Sbarchi zero: ennesima promessa tradita da parte del Movimento 5 Stelle.

Era il 2017 quando Laura Ferrara, Europarlamentare del Movimento 5 Stelle, affermava che “l’Italia non è il campo profughi d’Europa”. Affermazione non solo sacrosanta,...