Acqua. La Pietra (FdI): riflettere su cabina di regia. Troppi attori e competenze contraddittorie

“La situazione idrica è sempre più critica, e alle difficoltà climatiche si aggiunge anche la burocrazia europea che impone l’applicazione della direttiva sul Deflusso Ecologico. Da una parte occorre salvaguardare il principio di tutela della biodiversità dei fiumi, ma dall’altra non possiamo impedire agli agricoltori il prelievo per irrigare i campi. Oggi, in Commissione agricoltura abbiamo votato a favore della relazione finale in cui si chiede la proroga della entrata in vigore del Deflusso Ecologico di due anni. Tutto questo però deve portarci ad una riflessione più ampia sulla gestione delle risorse idriche: troppi attori impattano sulla questione con competenze differenti, sovrapponibili e a volte contraddittorie come ATO (Ambito Territoriale Ottimale), autorità di bacino, consorzi, senza contare la miriade di partecipate proprietari della rete di distribuzione spesso dei veri e propri colabrodi con perdite inaccettabili. Per questo occorre avviare una riflessione su una cabina di regia che ottimizzi al meglio la risorsa idrica, sempre più preziosa, per l’agricoltura, per l’uso potabile e non ultimo per la produzione di energia elettrica”.

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Patrizio La Pietra, capogruppo in Commissione Agricoltura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,355FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati