Al via la riforma fiscale: l’obiettivo “fisco amico” del governo Meloni

Si può dire che sia partito oggi l'anno della nuova fiscalità targata centrodestra. I decreti attuativi pubblicati durante le festività natalizie danno il via a un nuovo percorso del fisco italiano, nell'intento di creare, nel tempo, una nuova idea di fiscalità, che non assilli chi produce ma, al contrario, sia più vicino alle esigenze di famiglie e imprese. I primi benefici arriveranno già in questo mese. I decreti riguardano materie importanti: Fiscalità internazionale, Contenzioso tributario, Adempimento collaborativo, Nuovo statuto del contribuente, Adempimenti-versamenti e prima revisione dell'Irpef. “Dopo i sei decreti legislativi approvati in maniera definitiva e già entrati in vigore – ha dichiarato il viceministro dell' Maurizio Leo a Il Messaggero – puntiamo a portare a casa anche quelli riguardanti il Concordato preventivo biennale e la disciplina dei giochi a distanza”.

“E – continua Leo – non ci fermiamo qui: presenteremo anche i decreti su sanzioni e riscossione, altri due temi sui quali urge un intervento normativo”. Nodo indiscusso della riforma è la revisione dell'Irpef, che prevede l'accorpamento dei primi due scaglioni Irpef passando da quattro a tre, dopo che una diminuzione si ebbe già con la legge di Bilancio 2023. L'accorpamento ha portato a una riduzione dell'aliquota da 25% a 23% per i redditi da 15.000,01 a 28.000 euro; riduzione che si aggiunge al taglio del cuneo fiscale previsto fino al 7%. Queste due misure sono le due più corpose della manovra 2024, con un valore rispettivamente di 4,1 e di 10,7 miliardi di euro. Il governo è intenzionato a continuare su questa strada allargando la platea a cui è la decontribuzione. “Sono convinto – dice ancora Leo – che non si può pensare di tassare chi ha 50 mila euro lordi di reddito con un'aliquota che, comprendendo anche le addizionali regionali e comunali, raggiunge in alcuni casi anche il 50%”. Oltre i redditi bassi a cui si è rivolto già questa legge di Bilancio, c'è l'intento dunque di incidere anche sulla fascia media.

Importanti le misure anche a favore della maternità e della : saranno tagliati i contributi previdenziali per le madri con almeno due figli assunte a tempo indeterminato; è previsto il secondo mese di congedo parentale retribuito all'80%; rafforzato il bonus asilo nido per chi con due figli ha Isee fino a 40.000 euro. Il lavoro del governo così deve andare avanti, soprattutto per rendere strutturali quelle misure che, tra queste, ancora non lo sono. La strada imboccata però è quella giusta, quella che vede finalmente un fisco a misura di cittadino, non più vessatore ma vicino alle esigenze degli italiani.

1 commento

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

1
0
Would love your thoughts, please comment.x