Alla ricerca delle dirette streaming

Vi ricordate quando iniziò a prendere piede e consensi il M5S? Vi ricordate quando ognuna delle loro attività istituzionali doveva essere svolta sempre in piena trasparenza e con l’esplicito consenso dei militanti? Bene, scordatevi quei tempi. Dimenticate quel movimento nato dall’indignazione generale che doveva aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno.

Oggi, probabilmente, nemmeno i loro iscritti e simpatizzanti si riconoscono o identificano nella loro linea di pensiero e di azione. Tant’è che dalle recenti manovre per la formazione di un nuovo Governo, non sono mancate insoddisfazioni generali e richieste di un ritorno al passato.

“Che strano… in tutti questi anni ci avete fatto votare su Rousseau per qualsiasi cosa… invece per quando riguarda questa disgustosa alleanza (Pd-M5S ndr) che sta per nascere nessun voto?”. Uno dei tanti commenti che circolano negli ultimi giorni sui social. “Patto delle poltrone: oggi alle ore 14.00 le delegazioni del #M5S e del #PD si incontreranno. Per “onestà” chiediamo a Beppe Grillo e a Luigi Di Maio di trasmettere il confronto in diretta streaming. Oppure i grillini hanno cambiato idea anche su questo?” Ha dichiarato Giorgia Meloni.

Insomma, la recente mancanza di trasparenza non solo ha creato attrito all’interno del partito stesso, ma si è ripercossa anche nel mondo politico generale. E mentre si disegna un’altra innaturale alleanza, una coalizione sovranista che oggi ha il vero consenso della maggior parte degli italiani, probabilmente non potrà nemmeno governare.

Una cosa è certa: il M5S, il partito del “vaffaday” e del “mai con il Pd”, ha la memoria corta oppure vorrebbe che l’avessero gli altri…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,425FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati