domenica, Settembre 27, 2020

Anche la Germania verso la recessione?

Autorevoli commentatori economici dell’eurozona hanno fatto una similitudine calzante, paragonando i livelli del Reno, attualmente bassi, con la Germania che comincia ad intravvedere la recessione. Molti infatti sostengono che i due parametri siano collegati. Non a caso, il Reno è un’arteria fondamentale per il trasporto di molti beni in e attraverso il paese, in particolare per le industrie chimiche ed energetiche. Immaginare però che tutto si risolva con l’innalzarsi delle acque del Reno, potrebbe non essere ragionevole. Così come giustificare la decrescita dell’economia tedesca nel terzo trimestre con il problema “temporaneo” delle norme sui test delle emissioni auto – mazzata su un settore già travagliato di suo – può magari consolare, ma solo momentaneamente.
La verità è che l’economia tedesca ha rallentato, e nemmeno poco, ed essendo Berlino la potenza economica dell’eurozona, i riflessi si sono avvertiti anche nel resto dei membri UE. Così, come riflesso dei dati tedeschi con gli ordini di produzione diminuiti solo a novembre dell’1% e cioè di un +0,6% rispetto da quanto stimato dagli economisti, arrivano notizie pessime anche dalla Francia. Probabilmente anche per colpa delle tante proteste dei gilet gialli che hanno bloccato produzione e vendita in molte città e in molti momenti clou per l’economia, nella repubblica di Macron la produzione industriale è scesa di un robusto 1.3% in un periodo in cui si stimava invece una crescita.
Trovare una risposta concreta ed esaustiva al perché del rallentamento dell’economia tedesca che potrebbe estendersi anche a lungo termine, non è semplice, ma probabilmente è da imputarsi a un rallentamento globale. Non a caso i prezzi delle materie prima e del petrolio sono crollati, lasciando immaginare che il commercio globale abbia incontrato blocchi generalizzati e non solo quelli creati da Trump con la sua voglia di mettere dazi ai cinesi. Dice Felix Huefner di UBS: “Il commercio globale non ha praticamente smesso di deteriorarsi durante l’anno. Questo indebolimento a livello generale sembra offuscare qualsiasi rimbalzo che potremmo sperare di ottenere per ragioni tecniche, proprio a causa dello standard di test delle emissioni. Più i dati si indeboliscono e meno si può dire che questo sia dovuto a fattori speciali.”
Tutto ciò ha dato origine a una tendenza nell’eurozona che gli economisti hanno cominciato a notare all’inizio dello scorso anno, quando i vari fattori dell’economia hanno iniziato ad evidenziare un’attenuazione. La domanda per le esportazioni tedesche è diminuita lentamente, tanto che l’anno scorso la situazione non era allarmante. Perciò, per chi ha individuato in questo il problema di fondo, in tutto ciò c’entra poco la voglia di protezionismo, anche se quest’ultimo aiuta le tendenze al ribasso.
Il quarto trimestre del 2018 è stato “orribile” per l’eurozona, afferma Claus Vistesen al Pantheon Macroeconomics. È, a suo avviso, altamente probabile che la Germania abbia avuto una recessione tecnica nei due trimestri consecutivi in ​​cui l’economia lo scorso anno è indietreggiata. Eppure gli economisti ancora sperano. Hai visto mai che davvero superata la pressione sul comparto auto i problemi non si attenuino. Una speranza o una previsione? Comunque, sono tutti d’accordo col sostenere che la possibile recessione non dovrebbe essere grave come il dramma del 2009 o addirittura come la crisi del debito sovrano dell’eurozona del 2011, ma i dati attuali devono essere in ogni caso presi sul serio, e non sottovalutati.
“Se al produzione diminuisce ancora, la disoccupazione aumenterà magari di poco, ma aumenterà”, dice Vistesen. In materia, gli ultimi mesi avevano fatto registrare dati molto positivi per l’eurozona. Tuttavia, questi dati tendono a mascherare altri indicatori, come la disoccupazione giovanile in Italia, Spagna e Grecia, rimasta sempre su valori superiori al 30%. Alla luce di questi fatti, i dati risultano così negativi che non c’è dubbio che debbano essere presi in considerazione per una revisione al ribasso delle previsioni ufficiali. Quindi, non solo la previsione autunnale della Commissione europea per un’espansione all’1,9% dell’eurozona nel 2019 deve considerarsi troppo ottimistica, ma anche la più ragionevole previsione dell’1,7% della Banca Centrale europea del dicembre scorso appare ora sovrastimata. Meglio attenersi alla media stimata da Bloomberg e raccolta presso gli economisti di una crescita all’1,6 punti percentuale.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,825FansLike
3,721FollowersFollow

Leggi anche

INPS, Meloni: Conte dovrebbe chiedere dimissioni di Tridico

Da Tridico a triplico. Quando scopri che al presidente dell'INPS Tridico, tanto caro al M5S, è stato quasi triplicato lo stipendio capisci che siamo in...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

INPS, Meloni: Conte dovrebbe chiedere dimissioni di Tridico

Da Tridico a triplico. Quando scopri che al presidente dell'INPS Tridico, tanto caro al M5S, è stato quasi triplicato lo stipendio capisci che siamo in...

Carceri, Bonafede strizza l’occhio all’Islam radicale?

Bonafede si piega all’Islam più radicale e rinnova con UCOII il protocollo d’intesa per favorire l’ingresso di imam e mediatori culturali nelle carceri per...

Legge Elettorale, Meloni: no alle liste bloccate, sì alle preferenze

"No alle liste bloccate, sì alle preferenze nella legge elettorale. Gli italiani scelgono con il voto di preferenza i deputati europei, i consiglieri comunali...

Corsi per Imam e accordo di Faro: L’Italia rinuncia a se stessa nel silenzio generale

Negli scorsi giorni, il Ministro Alfonso Bonafede ha confermato la sua volontà di avviare corsi per Imam finalizzati a dare assistenza spirituale in carcere...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x