Andare a (ri)vedere Red Land: una scelta d’amore

Ieri sera sono tornato a vedere “Red Land – Rosso Istria”. Era la terza volta. E nonostante i momenti più duri non arrivino più in maniera inaspettata il dolore e la rabbia sono sempre molto forti.

Perché la violenza contro gli italiani – di cui Norma è simbolo e testimonianza – non è una ferita che si può rimarginare. Anche conoscendola. Soprattutto conoscendola e riscoprendola ogni volta negli occhi degli esuli che raccontano della propria terra perduta. Ma proprio per questo il film prodotto dalla Venice Film è necessario. Perché capace di raccontare, con la forza delle immagini che nulla lasciano all’immaginazione, quello che è successo. Perché, pur non essendo un documentario, riesce a raccontare bene il clima in Istria che oltre alle vittime ha causato l’esodo dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia.

Ci sarebbe tanto da dire sulle qualità del film come regia, montaggio e recitazione ma ormai di articoli ne sono usciti tanti. Quello che invece è importante è andare al cinema. Riempire le sale. Far sì che i numeri dei biglietti venduti e la forza dell’attenzione riescano a portare il film nelle città che ancora oggi sono scoperte e così permettere a tutti di vederlo. Andarci una volta per emozionarsi e scoprire in video quello che è successo e poi tornare, e tornare ancora, per farlo scoprire agli altri.

Tornare come scelta d’amore. Diffonderlo come obbligo di verità e giustizia.

Tornare per dimostrare che il Martirio di Norma Cossetto non è stato vano e che nel dolore e nella tragedia il suo volto pulito può essere il riscatto di un popolo intero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,177FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati