Atreju 2018: ecco il programma. Ci sarà Steve Bannon.

1.532 views

Torna a Roma dal 21 al 23 settembre 2018 il tradizionale appuntamento con ATREJU, la storica manifestazione nata nel 1997 nell’alveo della destra italiana e giunta quest’anno alla sua 21esima edizione. La manifestazione prende il nome da Atreju, il protagonista del romanzo “La Storia infinita” di Michael Ende che combatte contro le forze del Nulla: un nemico subdolo che attacca il futuro, ne consuma le energie migliori, privandolo di valori e di speranze.

EUROPA CONTRO EUROPA”: questo è il titolo e tema centrale dell’edizione 2018. L’obiettivo è raccontare due visioni dell’Unione Europea: da una parte l’Europa tecnocratica ed elitaria, dominata dalla finanza e dagli interessi delle lobby; dall’altra l’Europa dei popoli delle Nazioni, che mette al centro l’identità e la sovranità.

Due visioni rappresentate nel manifesto della kermesse nel quale si confrontano due skyline: in alto lo skyline con i profili stilizzati della Basilica di San Pietro, di una torre tipica dei borghi medievali, della colonna con la Vittoria alata presente in alcune capitali europee, di un Arco di trionfo, di una chiesa e di un anfiteatro classico; in basso lo skyline degli edifici moderni che ospitano le Istituzioni europee a Bruxelles, Strasburgo e Francoforte. Una netta contrapposizione che viene ripresa anche nei simboli inseriti all’interno delle parole “Europa”: in alto il capitello classico e il rosone di una chiesa; in basso il simbolo dell’Euro e la bandiera della UE.

Simbolica anche la scelta della location: l’Isola Tiberina, al centro di quel fiume Tevere che ha dato i natali alla Città Eterna, e sulla quale sorge la Basilica di San Bartolomeo, santuario dei nuovi martiri cristiani e testimoni della fede del XX e XXI secolo.

L’edizione di quest’anno assume un significato particolare alla luce dell’imminente tornata elettorale per il rinnovo del Parlamento europeo, che si svolgerà nella primavera 2019. Atreju sarà l’occasione per aprire una stagione politica decisiva per il futuro dell’Europa e del ruolo dell’Italia nello scenario del Vecchio Continente.

L’Isola Tiberina è, inoltre, la location ideale per ospitare le tante anime di Atreju: dibattiti politici, mostre, presentazioni di libri, tavoli tematici, concerti e spettacoli di musica, stand enogastronomici e aree degustazione con i prodotti tipici regionali italiani. I diversi spazi del villaggio riprendono il filo conduttore della manifestazione e sono intitolate ad alcuni grandi personaggi della storia europea e mondiale: il re di Sparta Leonida; il primo Imperatore del Sacro Romano Impero Carlo Magno; la principessa e legislatrice della Sardegna medievale Eleonora d’Arborea; il patriota cecoslovacco e martire per la libertà Jan Palach; il premio Nobel per la letteratura e dissidente sovietico Aleksandr Isaevič Solženicyn.

I numeri dell’edizione 2018: 3 giorni di manifestazione, un villaggio di 6000 mq, oltre 70 tra ospiti e relatori, 5 presentazioni di libri, 3 premi, 3 mostre, oltre 200 volontari provenienti da ogni parte d’Italia, 10 stand politici e culturali, 6 aree ristoro.

I DIBATTITI

Come di consueto l’attualità politica, nazionale e internazionale, sarà il cuore della manifestazione. Il taglio del nastro che inaugura ufficialmente la kermesse è fissato per venerdì 21 settembre alle ore 15.

Il primo dibattito è fissato invece per le ore 16.30: il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e il vicepresidente del Senato Ignazio La Russa saranno insieme sul palco per confrontarsi sul tema “Fare l’Italia”, da Nord a Sud identità, merito e buongoverno. A moderare Maurizio Belpietro.

A seguire, alle ore 18.30, appuntamento con “Infrastrutture sovrane. L’interesse italiano sopra l’interesse di pochi” col sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, il segretario nazionale del Pd Maurizio Martina, il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli, il presidente di Eurispes Gian Maria Fara, e il giornalista Mario Giordano. Tra i temi del dibattito, introdotto dall’assessore ai Trasporti della Regione Liguria Gianni Berrino e moderato da Gennaro Sangiuliano, la tragedia del crollo del ponte Morandi di Genova e il futuro della proprietà e della gestione delle infrastrutture nazionali.

Non ci resta che ricostruire” è il titolo della tavola rotonda sul futuro del centrodestra in programma domenica 23 settembre, alle ore 10, e alla quale prenderanno parte: Magdi Cristiano Allam, Andrea Augello, Guido Castelli, Edmondo Cirielli, Raffaele Fitto, Nunzia De Girolamo, Stefano Parisi, Ruggero Razza e Vittorio Sgarbi. Modera Fabrizio Frullani.

Momento clou della kermesse l’intervento del presidente di Fratelli d’Italia Giorgia , che domenica 23 settembre alle 11 traccerà le linee programmatiche di per la nuova stagione politica. Introduce Fabio Roscani, presidente di Gioventù Nazionale, movimento giovanile di .

Due i momenti di confronto interno a Fratelli d’Italia: uno in apertura, venerdì 21 settembre alle 11, l’insediamento di tavoli di lavoro tematici ai quali parteciperanno eletti, dirigenti e amministratori del movimento; uno in chiusura con la riunione dell’Assemblea Nazionale allargata alla Direzione Nazionale di .

LE INTERVISTE

Atreju 2018 sceglie la formula dell’intervista per far salire sul palco tre protagonisti della scena politica italiana: Matteo , Roberto Fico, Antonio Tajani. Le interviste si svolgeranno tutte nella giornata di sabato 22 settembre.

Alle ore 10.30 il ministro dell’Interno Matteo sarà intervistato da Enrico Mentana in un incontro dal titolo “Vade retro: la versione di .

Alle ore 11.30 “Dì una cosa (anche non) di sinistra”: il presidente della Camera Roberto Fico risponderà alle domande di Nicola Porro.

Alle ore 15.00 “Europa: mito, sogno o incubo?”: appuntamento con il faccia a faccia tra il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani e Pietro Senaldi.

Tutte le interviste saranno introdotte da un esponente di Fratelli d’Italia: i capigruppo di Senato e Camera, Luca Ciriani e Francesco Lollobrigida, e il coordinatore nazionale Guido Crosetto.

TUTTA COLPA DEI POPULISTI”: STEVE BANNON AD ATREJU

Ospite d’onore della 21edizione di Atreju sarà Steve Bannon, che salirà sul palco della kermesse sabato 22 settembre alle ore 18 in un confronto dal titolo emblematico: “Tutta colpa dei populisti”. A moderare Alessandro Giuli.

65 anni, giornalista e stratega politico, già presidente esecutivo del sito di informazione “Breitbart News”, chief executive della campagna elettorale di Donald Trump, consigliere speciale e chief strategist del presidente degli Stati Uniti alla Casa Bianca, Bannon ha creato la Fondazione “The Movement” in risposta alla Open Society di George Soros e sta incontrando i leader delle formazioni politiche sovraniste e identitarie in vista delle elezioni europee del 2019.

La partecipazione ad Atreju di Steve Bannon, tra gli attuali protagonisti della scena politica mondiale, segna un punto di svolta importante nella storia della manifestazione e la inserisce di diritto tra gli eventi politici di primo piano nello scenario internazionale.

Leggi il programma completo.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,856FansLike
3,844FollowersFollow

Leggi anche

Coronavirus, Meloni: responsabilità di quanto accade è del Governo che naviga a vista, sforna Dpcm e ignora nostre proposte

"L’Esecutivo ha fatto poco o nulla per preparare l’Italia ad affrontare la seconda ondata dell'emergenza coronavirus. E la responsabilità di quello che sta accadendo...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Coronavirus, Meloni: responsabilità di quanto accade è del Governo che naviga a vista, sforna Dpcm e ignora nostre proposte

"L’Esecutivo ha fatto poco o nulla per preparare l’Italia ad affrontare la seconda ondata dell'emergenza coronavirus. E la responsabilità di quello che sta accadendo...

Nizza, Meloni: Governo chiarisca notizia su attentatore arrivato a Lampedusa, Italia rischia isolamento

«Fratelli d'Italia chiede al Governo di chiarire quanto riportato dal deputato francese Eric Ciotti, secondo il quale l'attentatore di Nizza sarebbe un tunisino arrivato...

Meloni a Conte: «Scendete dal piedistallo e ascoltate la gente che chiede aiuto»

Presidente Conte, nell'ora più incerta, a sempre più italiani pare che questo Governo non ci stia capendo molto e non perché lo denunciamo noi,...

Nizza, Meloni: gli islamisti ci hanno dichiarato guerra. Chi lo nega è nemico nostra civiltà.

"L’orrore islamista si abbatte nuovamente sulla Francia e sull’Europa: a Nizza nella cattedrale di Notre Dame una donna è stata decapitata e altre due...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x