Audizione in Prima Commissione su fusioni e associazioni tra Comuni. Speranzon: “Esperienze interessanti. Garantire i servizi nei piccoli comuni; le fusioni non pesino sui cittadini”

Si è tenuta nel pomeriggio di oggi la seduta della Prima Commissione che prevedeva, ai punti dell’ordine del giorno, anche un’audizione sullo stato di attuazione del Piano di Riordino Territoriale e alla valorizzazione dei percorsi di associazionismo intercomunale e di fusione dei Comuni del Veneto.
Ad intervenire sono stati l’assessore regionale Francesco Calzavara con delega agli enti locali; il Sindaco del Comune di Longarone Roberto Padrin; il Sindaco del Comune di Pieve del Grappa Annalisa Rampin; Marco Montan, Sindaco del Comune di Castegnero; Daniele Canella, Sindaco del Sindaco di San Giorgio delle Pertiche e Presidente della Federazione dei Comuni del Camposampierese.
Una discussione che ha raccolto l’interesse del capogruppo di Fratelli d’Italia, Raffaele Speranzon: “Abbiamo potuto ascoltare esperienze diverse, tra fusioni riuscite e referendum falliti come nel caso di Castegnero, e anche valutare i diversi effetti nell’arco del tempo”.
La Federazione dei Comuni del Camposampierese, nel Padovano, nasce infatti nel 2011; è del 2014 il referendum che ha portato alla fusione di Longarone e Castellavazzo, nel Bellunese; del 2018, infine, la fusione di Crespano con Paderno del Grappa e la nascita di Pieve del Grappa, nel Trevigiano.
“Noi siamo favorevoli alle fusioni dei piccoli comuni perché abbiamo visto come negli ultimi anni sia diventato sempre più difficile individuare qualcuno disposto a candidarsi sindaco, viste le difficoltà che ci sono nel gestire una macchina comunale che magari non può nemmeno contare su un’area tecnica o amministrativa o, addirittura, con un segretario comunale a scavalco con altri comuni e quindi a disposizione per poche ore al mese”, sottolinea Speranzon.“ L’altro aspetto è quello economico: le fusioni portano contributi e quindi risorse fresche nelle casse dei nuovi comuni, che quindi si trovano da un lato a poter investire, garantendo i servizi alla popolazione, e dall’altro a poter “ammortizzare” eventuali disagi per i cittadini. Un esempio? La fusione di Castegnero con Longare e Nanto, nel Vicentino, è fallita anche perché due comuni avevano un’addizionale IRPEF più vantaggiosa rispetto all’altro comune, e i cittadini hanno avuto il timore, in caso di vittoria del sì al referendum, di veder crescere il carico fiscale. Ma le fusioni non devono pesare sui cittadini: si stanno superando le logiche campanilistiche, ora lo scoglio è legato agli aspetti economici e finanziari. Se il legislatore regionale vuole davvero incentivare le fusioni dei comuni bisogna che queste diventino un vantaggio per i cittadini: dal punto di vista dei servizi, certo, ma anche da quello dei costi e della pressione fiscale che dovranno sostenere all’indomani della fusione”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,665FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati