Autostrade: FdI, parere Corte Conti azzera tutto, governo riferisca

“Si apprende dalla stampa che la Corte dei Conti ha espresso parere fortemente negativo sull’accordo transattivo tra ASPI e Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile (MIMS), relativo alle compensazioni necessarie per la chiusura della procedura di grave inadempimento a seguito del crollo del Ponte Morandi di Genova. Un parere che era stato peraltro richiesto dallo stesso MIMS, a seguito della firma dell’accordo transattivo. La posizione espressa oggi dalla Corte dei Conti è tale da porsi come pesantemente pregiudizievole per la prosecuzione dell’iter di approvazione formale dell’accordo transattivo, approvazione che rappresenta la principale condizione di efficacia del contratto di compravendita tra Atlantia e il Consorzio guidato da Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e a cui partecipano anche il fondo australiano Macquarie e il fondo americano Blackstone. L’intera operazione di cessione entra pertanto in un vicolo cieco, che lascia intravedere chiaramente l’azzeramento dell’intera operazione di cessione delle quote di Autostrade per l’Italia e il ritorno alla precedente compagine azionaria, centrata sulla partecipazione di controllo della famiglia Benetton. C’è materia a sufficienza perché venga coinvolto immediatamente il Parlamento e sarebbe pertanto opportuno che la Commissione Trasporti della Camera convocasse al più resto il ministro Enrico Giovannini (MIMS) e l’amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti, Dario Scannapieco”. Lo dichiarano i deputati di Fratelli d’Italia della Commissione Trasporti Marco Silvestroni e Mauro Rotelli e della Commissione Ambiente e Lavori Pubblici Tommaso Foti Alessio Butti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,634FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati