: meno poltrone, più borse (di studio)!

19 views

In un momento storico in cui la politica si occupa di gestire giochi di palazzo per dare un governo al paese, c’è un Italia che va avanti, dei ragazzi che provano a costruire il proprio futuro in un contesto veramente difficile, sia in entrata che in uscita, in cui il merito non viene sostenuto da adeguati finanziamenti volti ad aumentare le borse di studio. Ieri, martedì 3 Settembre, in tutta Italia si sono svoltii test di ammissione ai Corsi di Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria e protesi dentaria. Sono oltre 68.000 i candidati, ragazzi e ragazze che proveranno a realizzare il loro sogno di entrare nella che li potrà vedere uscire con il tanto desiderato camice bianco. Fa rabbia pensare che di questi candidati ne entrerà uno ogni sei, secondo il numero programmato dal MIUR in base all’accesso Nazionale Programmato, e che molti di loro saranno costretti a cambiare il loro percorso di studi. Uno stato efficiente, un sistema universitario efficiente, dovrebbe essere strumento della realizzazione dei sogni di uno studente non una ghigliottina che invece li costringe a rimettere in discussione i loro progetti di vita. E pensare che il sistema sanitario nazionale ha un enorme bisogno di un ricambio generazionale della classe medica. In Molise addirittura per carenza di personale sono stati chiamati dottori in pensione. Il dato allarmante diffuso dall’Osservatorio Nazionale sulla salute nelle Regioni Italiane dei 56 mila medici che il Servizio Sanitario Nazionale perderà nei prossimi 15 anni saranno sostituiti solo il 75%, cioè 42 mila. E gli ingressi dei nuovi dottori non sarà risolutore di questo problema. Il tutto viene aggravato dall’esigua disponibilità di borse di studio che vengono messe a disposizione dei ragazzi che una volta laureati devono accedere alle scuole di specializzazione. Non solo quindi pochi ingressi ma anche chi ultima il proprio il percorso di studi rischia di non poterlo completare per una assurda “mancanza di fondi”.
Tutto questo perché? Perché continuiamo a essere uno stato miope e poco lungimirante. Una classe politica di poltronisti, sempre più distante dai reali bisogni delle nuove generazioni e di come dallo loro realizzazione dipenda il futuro di questo paese. In tutti questi anni non si è mai riusciti a fare una oculata programmazione che riuscisse a prevedere adeguati finanziamenti che consentissero di ampliare la formazione di un numero importante di giovani aspiranti medici che continuiamo incessantemente a regalare ad altri paesi che sono in grado di garantirgli condizioni e strumenti che l’Italia gli nega.
Come ci siamo sempre battuti per un sistema accademico che con il merito, con l’ampliamento delle borse di studio possa essere volano di crescita per le carriere di molti studenti, di molti cervelli che siamo sempre pronti a sottolineare quando vanno via e che non siamo minimamente in grado di trattenere.

Lo ha dichiarato il Coordinatore Nazionale di , Pasquale Oronzio.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,917FansLike
4,018FollowersFollow

Leggi anche

Irpinia, Meloni: ferita mai rimarginata. La sfida e’ lottare contro spopolamento di quei territori

«Alle 19.34 di 40 anni fa la terribile scossa che ha devastato l'Irpinia: 2735 vittime, centinaia di migliaia di sfollati. Una ferita mai rimarginata...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Irpinia, Meloni: ferita mai rimarginata. La sfida e’ lottare contro spopolamento di quei territori

«Alle 19.34 di 40 anni fa la terribile scossa che ha devastato l'Irpinia: 2735 vittime, centinaia di migliaia di sfollati. Una ferita mai rimarginata...

Il governatore Marsilio replica alla macchina del fango di Report.

"Da questa mattina si annuncia che durante la trasmissione “Report”, dedicata al ‘malaffare che si nasconde nel Corpo di Polizia Municipale’ di Roma Capitale,...

La sinistra pensa a dividere il centrodestra invece che ai problemi degli italiani

Fin dall'inizio dell'emergenza Covid, Fratelli d'Italia ha presentato le sue proposte concrete per aiutare famiglie e imprese e ha sempre risposto agli appelli del...

40 milioni di truffa al fisco con società cinesi. Meloni: Governo approvi proposta FDI a difesa legalità

«La Guardia di Finanza ha scovato 22 società cinesi “apri e chiudi” create ad hoc per fare false fatturazioni e permettere alle altre società...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x