Grillo: “Virginia, Roma Nun Te Merita”. Ma Infatti: Chi La Vole.

Un sonetto dedicato a Virginia Raggi. Che poi sonetto, per amor di decenza e decoro verso la ricchissima produzione poetica italiana, è un insulto a tutto ciò che di più sacro esiste. Chiamiamolo componimento scritto male e pieno zeppo di parolacce, e siamo comunque fin troppo generosi.

È con questo fantomatico sonetto che Beppe Grillo suona il De Profundis per la “sua” Virginia, per la sindac* della Capitale, una dei Primi Cittadini meno apprezzati della storia recente del Bel Paese. Anzi, poiché possiamo essere più precisi: il penultimo sindaco d’Italia, nel sondaggio di gradimento realizzato da IPR Marketing per Il Sole 24 Ore.

Secondo l’urlatore del Movimento 5 Stelle, i romani – definiti “gente de fogna” – non avrebbero compreso l’amore riversato sulla città dalla Raggi, circondata da gente corrotta che vuole il male della Città Eterna.

Voleva, sicuramente nelle pie intenzioni del Capopopolo Beppe, essere un ideale incipit per la campagna elettorale che porterà, tra 11 mesi, la città capitolina al voto: a giudicare dalle reazioni, si è trattato di un autogol dai tratti imbarazzanti, se non grotteschi.

Perchè diciamolo senza mezzi termini: Roma è una città che si trova in un mezzo ad una palude amministrativa. E vogliamo essere onesti: non è colpa unicamente dell’ultima, scellerata, gestione affidata al sindaco pentastellato. Roma è una città con mille problemi, ed il principale di essi è che, trattandosi di una metropoli fuoriscala per la realtà italiana, non può essere amministrata come si amministrerebbe Roccacannuccia, Collepepe o qualsiasi altro paesello.

Servirebbero delle riforme e un repulisti generale, qualora si voglia fare realmente il bene della città che fu di Romolo e di Cesare. Ma proprio per questo, a maggior ragione per questo, non può essere data in gestione a chi difetta di una qualsiasi basilare conoscenza non solo della cosa pubblica, quanto del codice di diritto amministrativo.

La differenza tra un amministratore ed un politico è palese: mentre il secondo può anche essere un Masaniello qualsiasi (e la storia del Movimento 5 Stelle insegna), il primo deve essere figura capace di ben amministrare una realtà cittadina. Cosa della quale, dispiace dirlo, Virginiona nostra non è stata capace.

Durante gli anni del suo mandato, la Capitale sarà ricordata per una gestione del sistema rifiuti francamente imbarazzante, per autobus in stato di autocombustione spontanea, per le mille società municipalizzate lasciate con dissesti a sette cifre, per il degrado sempre più avanzato dei campi rom, per l’impunità della criminalità organizzata, per l’aver dilapidato quello che forse era l’unica realtà immortale di Roma: il turismo nel centro storico.

Non è che Roma non merita la Raggi. E’ che a Roma, la Raggi, non la vuole proprio nessuno.

Nello Simonelli
Nello Simonelli
Nello Simonelli nasce ad Avezzano (AQ) il 26 novembre 1988. Sin da bambino interessato a tutto ciò che verte intorno al mondo del giornalismo e della scrittura, si laurea in giurisprudenza all’Università degli Studi di Teramo nel 2014, per poi dedicarsi ad attività che spaziano dal teatro alla dirigenza sportiva, dedicandosi ad ulteriori studi nel ramo del marketing e della comunicazione oltre che del diritto sportivo. Lavora presso lo Studio Legale Simonelli di Avezzano, è responsabile del circolo cittadino di Nazione Futura, scrive per diverse testate locali, nella Marsica ed in Abruzzo, e di approfondimento politico e sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,722FansLike
3,550FollowersFollow

Leggi anche

Vincenzo Maria Tripodi e gli eroi della nostra quotidianita’

“Una pizza in via ...”. Tanto è bastato al giovane poliziotto Vincenzo Maria Tripodi per capire che dietro quella richiesta strana non vi fosse...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Vincenzo Maria Tripodi e gli eroi della nostra quotidianita’

“Una pizza in via ...”. Tanto è bastato al giovane poliziotto Vincenzo Maria Tripodi per capire che dietro quella richiesta strana non vi fosse...

Lockdown. Quei verbali che sbugiardano Conte.

«Questo governo non agisce col favore delle tenebre», assicurava “Camaleconte” in pieno lockdown nella celebre conferenza stampa stile caudillo sudamericano. Davvero? Pochi giorni fa ha...

Rete Unica, Meloni: sulla Rete o si fa la separazione strutturale o si applica la Legge 136 del 2018

“Il progetto sul futuro della rete sostenuto dal governo va in direzione opposta alla soluzione approvata dall’attuale Parlamento e in linea con il quadro...

Dl Agosto, Meloni: blocco licenziamenti solo con Cassa Integrazione, proposte FdI avrebbero aiutato ma sono state tutte bocciate

“È giusto bloccare i licenziamenti unicamente se il blocco dei licenziamenti corrisponde senza limitazioni al pagamento della cassa integrazione. Perché una cosa è che...