martedì, Settembre 29, 2020

Bergoglio contro il turismo sessuale e lo sfruttamento dei bambini

Il Papa ha condannato la piaga della prostituzione infantile e giovanile durante la sua visita in Thailandia, uno dei centri mondiali del turismo sessuale. Francesco ha criticato ‘tutte le forme di sfruttamento, schiavitù, violenza e abuso’, denunciando la violenza contro donne e bambini. La prostituzione minorile e adolescenziale è una piaga nazionale in Tailandia. Migliaia di poveri, principalmente giovanissimi, spesso proprio bambini, sono costretti dai loro parenti ad andare a Bangkok e in altre città per prostituirsi. La Tailandia è uno dei luoghi privilegiati del turismo sessuale mondiale. Mentre Francesco denuncia il tragico fenomeno, la prostituzione di bambini e adolescenti continua a produrre denaro in molti luoghi, in gran parte grazie all’arrivo di stranieri. Le ‘luci rosse’ sono ancora aperte e la ‘barra go-go’ è piena di clienti. Fa impressione entrare in un bar qualsiasi al centro di Bangkok e trovare due giovani completamente nudi che si accoppiano sul bancone del locale, ‘spettacolino’ di supporto offerto ai clienti mentre bevono una birra e un caffè. E basta buttare un occhio  sulla coppia impegnata a fare sesso per accorgersi che è composta da giovanissimi, con ragazzine che spesso non superano i 14 anni di età.

Così come fa impressione incrociare per le vie della città, ma anche in centri più piccoli ma turistici, come per esempio PeePee Island, omaccioni di mezza età, quasi tutti giapponesi, americani o europei, girare avvinghiati a giovanissime prostitute, anche queste sicuramente minorenni  nel 95% dei casi. Stessa cosa per i giovani maschi, che nella prostituzione trovano il lavoro più facile e remunerativo, ma che sono stati abituati a dare meno nell’occhio. Così, continuare a denunciare questo scempio – di cui ormai tutti sanno – non è mai eccessivo.

‘Ci sono così tante ragazze e ragazzi in strada a causa del dio dei soldi’, ha detto Bergoglio. I turisti del sesso ‘vengono dall’Occidente, dall’Europa, dall’Oriente, in particolare dal Giappone e dalla Corea. È molto triste. Cerchiamo di mostrare alle nostre ragazze che un’altra vita è possibile’. Ma non è facile, soprattutto in un paese come la Thailandia dove, per tradizione, se una ragazza o un giovane si prostituiscono in città per mantenere la famiglia, vengono poi  rispettati e benedetti quando tornano al villaggio, dove ottengono così massima considerazione e nessuna critica.

Ma se il Papa assolve al suo ministero girando il mondo per  parlare di turismo sessuale e prostituzione giovanile, restano sempre i fin troppo numerosi scandali in tema di sesso che coinvolgono  sia alti prelati che lo stesso Vaticano. Proprio in questi giorni, infatti, è salito agli non certo graditi onori delle cronache il caso del Vescovo Zanchetta.

Un procuratore di Salta – città situata nel nord-ovest dell’Argentina ai piedi della cordigliera delle Ande – ha emesso mercoledì un mandato di cattura internazionale a carico dell’ex vescovo di Orano Gustavo Zanchetta, accusato di continui abusi sessuali, reato aggravato dall’incarico di un riconosciuto ministro del culto, a scapito di due vittime , secondo fonti del Ministero Pubblico. Zanchetta è un religioso vicino a Papa Francesco, che lo ha nominato nel 2017 consigliere dell’APSA, la cassaforte immobiliare del Vaticano. Lo stesso Bergoglio ha dato il via libera a maggio di quest’anno affinché Zanchetta fosse sottoposto a un processo canonico. Se ritenuto colpevole, può essere espulso dal sacerdozio.

Il pubblico ministero che si occupa della violenza di genere e dei crimini contro l’integrità sessuale di Orano, María Soledad Filtrín, ha richiesto la cattura internazionale dopo che Zanchetta non ha risposto a ripetute telefonate o e-mail, al numero e all’indirizzo e-mail forniti volontariamente lo scorso agosto, per poter essere informato di qualsiasi atto procedurale e dopo aver stabilito il domicilio nello Stato del Vaticano. I portavoce hanno precisato che, opportunamente, il pubblico ministero si è opposto e ha fatto appello alla revoca delle misure restrittive che hanno permesso a Zanchetta di lasciare il paese, e la sua evidente mancanza di volontà di sottomettersi alle chiamate di giustizia. Intanto, informatori hanno fatto sapere che, sebbene non vi siano certezze, è probabile che Zanchetta si trovi in questo momento a Roma, addirittura ospitato in residenze vaticane.

Questo dovrebbe scandalizzarci? Probabilmente, sì, ma ormai non si contano più atteggiamenti del Vaticano – soprattutto in epoca Bergoglio – che lasciano perplessi quando non addirittura interdetti i fedeli. Un caso per tutti? Quello del prete congolese Gratian Alabi, meglio noto come Padre Graziano. Alabi è stato trovato colpevole di aver ucciso Guerrina Piscaglia, una sua fedele con cui aveva allacciato una relazione sessuale, e che rischiava di far scoppiare uno scandalo. Condannato a 27 anni di carcere, Padre Graziano avrebbe quanto meno essere sospeso a divinis, visto  che è reo di omicidio e che invece è ancora a tutti gli effetti un sacerdote che può somministrare sacramenti e dire messa.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,834FansLike
3,732FollowersFollow

Leggi anche

Popolare di Bari: abbiamo una banca! (un’altra…)

L’intervento dello Stato nei salvataggi bancari è tornato di gran moda. Ma non esisteva una procedura, definita a livello europeo, chiamata bail-in? sembra che...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Popolare di Bari: abbiamo una banca! (un’altra…)

L’intervento dello Stato nei salvataggi bancari è tornato di gran moda. Ma non esisteva una procedura, definita a livello europeo, chiamata bail-in? sembra che...

Giulio, 2 lauree in tre mesi; un’altra eccellenza italiana da non regalare all’estero

In questi giorni abbiamo sentito tanto parlare di Giulio Deangeli, un eccellenza italiana di 25 anni, che dopo aver conseguito la laurea in Medicina...

Tridico “non mi dimetto e non mi scuso”. Epilogo di un disastro a 5 stelle.

Di Maio prima e Catalfo poi, con le firme del sottosegretario alla presidenza del consiglio Fraccaro, stretto collaboratore del presidente Conte, hanno contribuito al...

Inps, Meloni: Di Maio e Conte chiariscano su aumento atipendio Tridico

Secondo quanto svelato da La Repubblica, il provvedimento che aumenta lo stipendio del Presidente INPS sarebbe stato deciso dal Ministero del Lavoro guidato da...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x