Bielorussia, guerra fredda e arma migratoria contro l’Europa.

Analisi Geopolitica di Álvaro Peñas per El Correo de Espana

Un anno fa ho scritto il mio primo articolo per El Correo de España, un articolo sulla Bielorussia e le proteste di massa contro la rielezione del suo presidente Aleksander Lukashenko, al potere dal 1994. La repressione di queste proteste è stata molto dura, con migliaia e migliaia di persone arrestate nel corso di pochi giorni, come mi ha raccontato il giornalista Witold Dobrowolski, che è stato arrestato e torturato insieme a un altro giornalista polacco fino a quando il suo paese è riuscito a liberarlo. Ma la verità è che, nonostante le manifestazioni quotidiane e la pressione esterna attraverso condanne e sanzioni, il regime ha resistito. Non c’erano crepe nel governo o nell’esercito, e il principale sostenitore di Lukashenko, la Russia, gli ha offerto pieno appoggio.

Da allora, sono sorte altre situazioni simili alla guerra fredda. Come l’arresto a maggio da parte degli agenti del KGB del giornalista dell’opposizione Roman Protasevich e della sua ragazza dopo che l’aereo con cui viaggiava da Atene a Vilnius, la capitale lituana, dove era andato in esilio nel 2019, è stato costretto ad atterrare a Minsk. Pochi giorni dopo, Protasevich ha confessato i suoi crimini alla televisione di stato bielorussa e ha chiesto la grazia al presidente Lukashenko. Il 3 agosto, il leader dell’opposizione Vitaliy Shyshov ha lasciato la sua casa a Kiev per fare jogging ed è stato trovato impiccato in un parco ore dopo. Shyshov aveva lasciato il suo paese l’anno scorso e si era stabilito nella capitale ucraina, dove era politicamente attivo con altri esuli. Lo stesso giorno, l’atleta bielorussa Kristina Timanovskaya, che stava partecipando alle Olimpiadi di Tokyo e che aveva deciso di non tornare nel suo paese, ha ottenuto un visto umanitario e la protezione dell’ambasciata polacca, in una decisione presa personalmente dal primo ministro Mateusz Moraviecki. Finora quest’anno la Polonia ha rilasciato 8.844 visti umanitari a cittadini bielorussi. Quando si leggono queste notizie, si dubita della scomparsa dell’Unione Sovietica.

Lettonia, Lituania e Polonia sono stati i paesi più duri all’interno dell’Unione Europea contro il governo bielorusso e i primi a chiedere sanzioni. E ora che Lukashenko ha superato questa crisi – l’ennesima – è il momento di contrattaccare, e niente di meglio per questo che l’arma della migrazione. Alla fine di giugno, il ministro degli interni lituano Agne Bilotaite ha affermato che il suo paese possedeva le prove che le guardie di frontiera bielorusse avevano partecipato a un’operazione di migrazione illegale dalla Bielorussia alla Lituania e ne avevano tratto profitto. “Questa è un’operazione organizzata e ben pianificata. Ci sono enormi somme di denaro associate a questo”. Bilotaite ha notato che i migranti pagano fino a 15.000 euro per attraversare il confine tra Bielorussia e Lituania. I migranti arrivano a Minsk con voli diretti da Istanbul e Baghdad. Vengono poi trasportati alla frontiera in auto e una volta lì cercano di attraversare il confine finché non vengono fermati dalle guardie di frontiera lituane e chiedono il diritto d’asilo. Quelli di noi che conoscono la frontiera bielorussa sanno che è una vera frontiera, non ha niente a che vedere con i “confini” dell’area Schengen, e che questo può avvenire solo con la collaborazione del governo di Lukashenko.

A quel momento, il 30 giugno, 636 migranti erano stati arrestati mentre cercavano di attraversare il confine, una cifra più di sette volte superiore a quella del 2020 e dodici volte superiore a quella del 2019. Tuttavia, solo nella prima settimana di luglio, ne sono stati arrestati 779, soprattutto dall’Iraq, ma anche da Afghanistan, Iran e Siria. Un mese dopo, stiamo parlando di 4.000 migranti. La risposta iniziale del governo lituano è stata quella di elaborare le richieste di asilo, che ovviamente sono state negate, ma con il continuo arrivo di migranti e la decisione della Bielorussia di non impedire il loro arrivo in Lituania in risposta alle sanzioni UE, le autorità hanno iniziato a respingere i migranti al confine. In quella che è stata descritta come una “guerra ibrida”, il primo ministro lituano Ingrida Šimonytė ha annunciato la costruzione di “una barriera fisica che dividerà Lituania e Bielorussia, che sarà un segnale e un deterrente per gli organizzatori di flussi migratori illegali”. La recinzione, la cui costruzione è stata approvata mercoledì dal parlamento lituano, sarà lunga 550 chilometri e costerà circa 150 milioni di euro. Il governo ucraino ha deciso di sostenere la costruzione della recinzione inviando 38 tonnellate di filo spinato come “aiuto umanitario”.

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha visitato la capitale lituana e ha promesso il sostegno dell’UE. Questo sostegno ha preso la forma di 36,7 milioni di euro “per aumentare la capacità di ricevere un gran numero di migranti”, cioè soldi per cure mediche, vaccinazioni, vestiti e cibo nei centri per stranieri, dove c’è già stata una rivolta di migranti iracheni la settimana scorsa. D’altra parte, l’Agenzia europea per la protezione delle frontiere e delle coste, Frontex, ha inviato alcuni esperti e attrezzature avanzate. Va ricordato che Frontex ha lasciato l’Ungheria a gennaio dopo che una ONG, il Comitato di Helsinki, naturalmente la Open Society di George Soros, ha denunciato il governo di Viktor Orbán per aver rimandato i migranti illegali in Serbia. Vedremo quindi quanto durerà questo supporto. In risposta alla richiesta del governo lituano di assistenza finanziaria per costruire la recinzione di confine, la Commissione europea ha risposto che “non finanzia recinzioni, ma sostiene soluzioni integrate di controllo delle frontiere”.

Secondo il politologo Vytautas Sinica, questa “guerra ibrida” è la vendetta di Lukashenko contro la Lituania per il suo sostegno all’opposizione democratica e un modo per “costringere la Lituania a cambiare la sua politica estera”. Sinica è molto critica nei confronti dell’azione iniziale del suo governo, che ha permesso le richieste di asilo ai migranti quando “venivano da un paese sicuro (la Bielorussia) e non c’era nessuna base legale per l’asilo in Lituania”. Tutto questo ha portato 4.000 migranti illegali in Lituania, perché il governo ha deciso di non iniziare prima la politica di ritorno. Sappiamo dall’esperienza dell’Europa occidentale che la maggior parte dei migranti illegali evita la deportazione e la Lituania non fa eccezione. 4.000 possono sembrare pochi ai lettori spagnoli, ma sono molti per la Lituania.

Ma la Lituania non è l’unico confine dell’UE colpito da questa crisi. La Polonia, che finora quest’anno ha arrestato 900 migranti illegali al confine con la Bielorussia, 350 solo lo scorso fine settimana e otto volte di più che nel 2020, ha deciso di inviare truppe per rafforzare il confine. In Lettonia, il Saeima (parlamento) mercoledì ha dichiarato lo stato di emergenza sul confine dopo un duro dibattito in cui i partiti “liberali” hanno mostrato più preoccupazione per i diritti umani dei migranti che per la sicurezza del confine. Di fronte a coloro che rifiutano di chiudere la frontiera, il deputato Edvins Snore ha sottolineato che “non si può essere ingenui come è successo in Germania nel 2015. È necessario dare un segnale molto chiaro che questo non accadrà in Lettonia”. Il politico nazionalista ha anche ricordato che la Lettonia è uno dei pochi paesi dell’UE in cui attraversare il confine illegalmente è un crimine.

L’uso dell’arma migratoria non è nuovo, lo sappiamo in prima persona in Spagna, dove il governo “amico” del Marocco provoca ondate umane contro Ceuta e Melilla ogni volta che il nostro governo prende una decisione che gli dà fastidio o per ottenere vantaggi economici. Lo stesso è successo con la Turchia, che ha fermato le ondate migratorie solo in cambio di milioni di euro dall’UE. La Bielorussia sta semplicemente seguendo questi esempi. Lukashenko è consapevole che l’immigrazione illegale è un siluro per la linea di galleggiamento dell’UE e la usa per raggiungere i suoi fini politici. Finché la politica dell’UE si muove tra la demagogia progressista delle “frontiere aperte” e la vessazione dei paesi che hanno deciso di difendere le loro frontiere, come nel caso del gruppo di Visegrad, cioè finché rimane preda dell’ideologia globalista della società aperta, l’Europa sarà permanentemente sottoposta a ricatti ed estorsioni.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,969FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x