Black Friday, Zucconi (FdI): Compriamo italiano e nei negozi di vicinato

Nel fine settimana del black friday, che quest’anno cadrà venerdì 25 novembre, si stima un giro d’affari di circa 3,3 miliardi. In molti anticiperanno i regali Natale, mentre altri approfitteranno degli sconti per fare acquisti più o meno utili: questa moltitudine di acquirenti corrisponde a circa 12,7 milioni di italiani, che avranno a disposizione un budget che oscilla tra 100 e 500 euro circa, con una media di 255 euro a persona.
Purtroppo però solo il 29% di loro acquisterà in un negozio di vicinato, poiché la maggior parte utilizzerà le piattaforme di e-commerce (64% delle indicazioni), i portali online delle catene multimarca (43%) o l’acquisto direttamente sul sito web dei produttori (29%).
Sono dati che parlano chiaro e che dimostrano quanto sia ormai necessaria la cosiddetta Amazon tax, la nuova imposta sulle consegne a domicilio da tempo nei programmi di Fratelli d’Italia. L’obiettivo è quello di difendere i piccoli negozi di prossimità, messi in ginocchio dall’impennata dell’inflazione e dalla concorrenza del commercio online. L’ultima indagine realizzata da Confesercenti e Federconsumatori contiene, infatti, numeri drammatici: entro il 2025 sarebbero oltre 10.500 i piccoli esercizi di vicinato costretti ad abbassare la saracinesca per sempre. Dal 2009 al 2019 hanno già chiuso 208.000 negozi artigiani e piccole botteghe, con una perdita secca di 520.000 addetti. Parallelamente, il settore del digital retail genera un giro di affari di 58,6 miliardi di euro.
Se è vero che il progresso non si può arrestare, è altrettanto vero che non possiamo condannare a morte le attività del nostro territorio nazionale, per le quali risulta impossibile reggere la concorrenza delle multinazionali: impegniamoci ad acquistare italiano, andiamo nei nostri negozi di fiducia: da parlamentare, ho già presentato una proposta di legge nella scorsa legislatura per aumentare la tassazione nei confronti dei giganti del web (Amazon, Google, Facebook, AliBaba in primis) che da sempre godono di una fiscalità agevolata e poco controllata (avendo le loro sedi fiscali e legali nel paradiso fiscale delle Isole Cayman) e continuerò senza sosta e con determinazione la battaglia per la sopravvivenza delle nostre attività di vicinato.

Onorevole Riccardo Zucconi, Deputato Fratelli d’Italia e Segretario Presidenza della Camera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
11,292FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati