“Black Live Matter”: il volto vandalico e iconoclasta dei manifestanti 

La deriva esterofila e cosmopolita della società globale non ha risparmiato nessuna delle principali città del mondo: da Firenze a Milano, da Bologna a Torino, dalle metropoli americane a quelle europee. Le manifestazioni dei “Black lives matter” – lautamente finanziate da George Soros e messe in campo per affossare il governo Trump – trovano nella sinistra antagonista il loro perfetto interlocutore politico.

I numerosi atti vandalici compiuti ai danni di attività economiche, sedi di partito, monumenti e luoghi sacri sono la “preziosa eredità” lasciata dal corteo in ricordo di George Floyd. Gesti idioti, che però ricalcano un disegno preciso: la distruzione della nostra storia, della nostra cultura e della nostra tradizione per fare posto ad una “società aperta” fondata sull’assenza di riferimenti spirituali e identitari.

Se ancora non fosse chiaro, lo ribadiamo: la lotta al mondialismo passa anche dalla totale condanna di queste idiozie, pronte a sfruttare qualunque fatto di cronaca per aizzare lo spettro della “rivolta”. Inutile ribadire che tali fenomeni, come da copione, sono il parto diretto di quelle stesse élite economiche che pretendono di combattere.

Margherita Grassellini
Margherita Grassellini
Margherita Grassellini, classe ‘95, laureata in Beni Culturali presso l’Università degli Studi di Firenze e specializzata in Storia dell’Arte medievale presso La Sapienza di Roma. Militante identitaria di Casaggì e collaboratrice di Passaggio al Bosco Edizioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,494FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati