Black Lives Matter ha pagato milioni di dollari a società di parenti del fondatore

Secondo i critici, l’associazione di beneficenza è pronta per le accuse di irregolarità, dopo che i documenti hanno rivelato che ha dato contratti lucrativi a parenti e associati. La fondazione Black Lives Matter (BLM) ha pagato centinaia di migliaia di dollari al fratello della sua cofondatrice e al padre di suo figlio per la sicurezza e “servizi creativi”, come risulta dai documenti fiscali.

I leader del movimento per la razziale hanno ricevuto 90 milioni di dollari in donazioni durante le proteste del 2020 scatenate dall’omicidio di George Floyd da parte della polizia.

Ma i documenti fiscali indicano che la fondazione BLM sta ancora trovando la sua strada e attualmente non ha un direttore esecutivo o uno staff interno.

L’organizzazione è finita sotto tiro dopo che la sua dichiarazione dei redditi per l’ultimo anno fiscale ha rivelato che ha pagato ingenti somme a un gruppo selezionato di consulenti che comprendeva parenti o stretti collaboratori dei fondatori della BLM.

Tra questi c’era il fratello di Patrisse Cullor, cofondatore della BLM, Paul Cullors, la cui società di sicurezza è stata pagata 840.000 dollari. Trap Heals LLC, una società fondata da Damon Turner, padre di un figlio con la signora Cullors, ha ricevuto quasi 970.000 dollari.

Nel frattempo, più di 2,1 milioni di dollari sono stati pagati alla Bowers Consulting. La fondatrice della società, Shalomyah Bowers, è stata recentemente nominata membro del consiglio di amministrazione della fondazione BLM.

“Si tratta di un’impresa non profit agli inizi, senza una struttura di governance sostanziale, che ha ricevuto un’enorme fortuna”, ha dichiarato Brian Mittendorf, professore di contabilità che si occupa di organizzazioni non profit.

“Le persone saranno pronte a supporre che questo disallineamento rifletta le intenzioni”, ha aggiunto.

Mittendorf ha detto che l’affidamento della fondazione a consulenti non è insolito per le organizzazioni non profit più recenti, ma che la fondazione si è “esposta” a critiche e accuse di scorrettezza.

Bowers ha dichiarato che il contratto con la sua società è stato approvato prima che lui fosse membro del Consiglio di amministrazione.

Secondo i documenti fiscali depositati presso il fisco, la fondazione ha speso più di 37 milioni di dollari in sovvenzioni, proprietà, consulenti e altre spese.

Tra questi, quasi 6 milioni di dollari per una proprietà di sette camere da letto a Los Angeles, destinata ad essere utilizzata come “spazio abitativo e studio”.

La signora Cullors, che ha guidato l’organizzazione per quasi sei anni, ha rassegnato le dimissioni lo scorso maggio in seguito alla notizia che era in debito di quattro case.

In una recente intervista con l’AP, ha riconosciuto che la fondazione non era preparata a gestire l’ondata di sostegno al movimento e l’enorme ondata di donazioni dopo l’uccisione di Floyd nel 2020.La documentazione fiscale riporta la signora Cullors come fondatrice e direttrice esecutiva non retribuita.

I documenti rivelano che la fondazione ha investito 32 milioni di dollari in azioni, destinate a diventare una dotazione per finanziare il suo futuro.

Si tratta della prima contabilità pubblica delle finanze della Black Lives Matter Global Network Foundation e rivela che ha chiuso il suo ultimo anno fiscale – dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2021 – con quasi 42 milioni di dollari di patrimonio netto.

Nonostante le domande sulla sua supervisione, la documentazione fiscale della fondazione BLM mostra che i suoi amministratori non hanno sperperato le donazioni.

Quasi 26 milioni di dollari, ovvero il 70% delle sue spese nell’ultimo anno fiscale, sono state sovvenzioni.

Tra queste, i finanziamenti alle fondazioni familiari create in memoria di Floyd, Trayvon Martin, il diciassettenne la cui uccisione nel 2013 ha dato origine al movimento BLM, e Oscar Grant, un ventiduenne ucciso dalla polizia nel 2009.

Bowers, segretario del consiglio di amministrazione della fondazione BLM, ha dichiarato che la documentazione fiscale ha rivelato che si tratta della “più grande organizzazione nera abolizionista senza scopo di lucro mai esistita nella storia della nazione. Quello che stiamo facendo non è mai stato fatto prima”.

Ha dichiarato che la fondazione lancerà un “centro per la trasparenza e la responsabilità” sul suo sito web per rendere i suoi documenti finanziari disponibili per l’ispezione pubblica.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
11,190FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati