Bolkestein, Zucconi (FdI): ci battiamo per non svendere l’Italia

Mi stupisco nell’apprendere che, ancora oggi, qualcuno non voglia capire quanto la questione Bolkestein sia di portata nazionale e che non si tratti assolutamente di una mera battaglia per il mantenimento di certi privilegi, come qualcuno vorrebbe far passare, bensì della svendita di un comparto italiano a favore di interessi extra-nazionali. La “Direttiva Servizi” viene infatti associata sempre più alle sole concessioni demaniali ma riguarda invece anche i venditori ambulanti, le guide turistiche e i porti turistici. Addirittura si inserisce nella stessa logica di altra Direttiva che riguardava la messa all’asta delle concessioni idroelettriche e che è stata poi ritirata perchè alcuni Paesi europei, non l’Italia, si sono opposti alla sua applicazione. A riguardo faccio notare che solo in Toscana ci sono un totale di 220 impianti idroelettrici per una potenza complessiva pari a 397 MW1 e nella sola provincia di Lucca, che rappresenta nel contesto regionale una realtà molto importante, sono presenti 13 deviazioni ENEL nel solo bacino del Serchio (1.565 km quadrati di superficie totale), con 17 centrali idroelettriche, 48 centraline idroelettriche attive (pubbliche o private) e ben 53 in progetto, per un totale di 118 tra dighe e centraline di produzione di energia idroelettrica. Ma in Italia le concessioni statali idroelettriche sono ad oggi incredibilmente ‘a scadenza’ o addirittura già scadute. È inconcepibile come questo governo possa aver deciso di affidare alle aste – alle quali ricordiamo potranno partecipare tutti, anche imprese straniere – ciò che appartiene alla nostra economia e alla nostra terra da sempre, come le spiagge, una delle nostre poche risorse naturali, o appunto le nostre risorse idroelettriche e proprio in un momento come questo dove famiglie e aziende sono messe in grave difficoltà dagli aumenti esorbitanti delle bollette. Cioè, in un momento in cui siamo alla ricerca disperata di forniture energetiche mettiamo all’asta una risorsa energetica che possediamo naturalmente e che è fra le più ecologicamente compatibili? Come Fratelli d’Italia, ho presentato il 27 dicembre 2021 la proposta di legge AC. 3427, per salvaguardare la proprietà nazionale delle concessioni idroelettriche, per garantire che il sacrosanto principio di reciprocità fra le nazioni venga assicurato e che gli interessi nazionali non siano violati, mentre il presidente Giorgia Meloni, in prima linea da sempre per la difesa della nostra economia e già firmataria della mia proposta di legge sulle concessioni marittime, sta supportando tutte queste iniziative ed ha rivolto un chiaro appello al Governo affinché risolva queste problematiche e tuteli gli interessi dei cittadini italiani anche in Europa. Insomma un quadro di totale incertezza per tutti questi settori, dal commercio alle risorse energetiche, che andrà inevitabilmente ad incidere fortemente sulle prospettive di crescita, sullo sviluppo delle infrastrutture e sull’autonomia energetica nazionale, impedendo l’avvio di investimenti sui territori e l’ammodernamento degli impianti e impatterà negativamente sull’economia nazionale. Le mie Proposte di Legge hanno invece come obiettivo quello di creare le condizioni affinché gli operatori possano effettuare ingenti investimenti su impianti ed imprese con ricadute in termini di sicurezza, efficienza ed implemento della nostra economia. Insomma questa politica dell’ “Italia-in-vendita” non è tollerabile e Fratelli d’Italia intraprenderà qualsiasi iniziativa per impedire che questo avvenga.

Riccardo Zucconi, Deputato, Responsabile d’Aula e Capogruppo Fratelli d’Italia Commissione Attività produttive, Turismo e Commercio.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,361FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati