mercoledì, Settembre 30, 2020

Bollette Pazze addio: arriva la legge a tutela dei consumatori

Le prepotenze a danno di anziani e famiglie

Per la signora Maria 40 euro in più di acqua. Per la signora Pina invece 63 euro in più di gas. Al signor Antonio invece addirittura 240 euro in più di corrente! Parliamo, ovviamente, di Bollette Pazze! Questi sono solo tre esempi, tra numerosi casi di cronaca, in cui i gestori di servizi elettrici, idrici, telefonici o altro recapitano a domicilio degli utenti bollette con importi non dovuti, colpendo spesso famiglie e persone anziane. Bollette con cifre esorbitanti, non legate a consumi effettivi o maggiorate per servizi non richiesti.

Finita la pacchia per i gestori! Se sbagliano pagano una penale!

I gestori agiscono in due modi. In alcuni casi impongono piccole maggiorazioni: l’utente spesso non se ne avvede e, quando se ne avvede, nella maggior parte dei casi desiste dal chiedere rimborsi e paga per mettere fine alla vicenda. In altri casi invece sparano cifre iperboliche: spesso gli utenti pagano (per paura di veder interrotto il servizio) e poi alcuni chiedono il rimborso che, alla fine di una lunga e complessa battaglia, viene concesso. Per i gestori dei servizi, in ogni caso, si tratta di operazioni che comportano solo ed esclusivamente guadagni. Illeciti, ma guadagni! Perché non hanno nulla da temere, se non rimborsare quanto illecitamente percepito. Un’operazione quindi che non prevede perdite, un meccanismo perverso che implicitamente incoraggia operazioni di questo tipo. Sbaglio (volutamente) e guadagno! Perché non farlo?

La proposta di legge di Fratelli d’Italia

Ma la pacchia sta per finire, perché Fratelli d’Italia ha depositato una proposta di legge alla Camera (C 1742) e al Senato (S. 1194), rispettivamente a firma e Giovanbattista Fazzolari, per mettere fine a questo meccanismo. È una proposta snella, di un paio di articoli, che ha il suo cuore in queste parole: “l’utente ha diritto ad ottenere, oltre al rimborso delle somme eventualmente versate, anche il pagamento di una penale pari al dieci per cento dell’ammontare contestato e non dovuto e, comunque, per un importo non inferiore a 100 euro”. In caso di bolletta pazza quindi, il gestore del servizio non sarà costretto solo a rimborsare quanto eventualmente illegittimamente percepito, ma dovrà anche a pagare una penale pari al 10% dell’importo non dovuto (anche se solamente contestato), penale in ogni caso non inferiore ai 100 euro. Se approvata, questa proposta scoraggerà i gestori dal mandare bollette pazze a pioggia, nella consapevolezza che un errore stavolta si pagherà e non sarà a costo zero!

La palla passa a e Di Maio

Ora la palla passa alla maggioranza di governo che, tra un litigio e l’altro, ha il dovere di approvare quanto prima questa proposta. Siamo certi che i gestori dei servizi non saranno contenti di questa proposta di legge, ma d’altra parte nemmeno gli italiani sono contenti del loro operato. E Fratelli d’Italia, come sempre, è dalla parte degli Italiani!

A questo link è possibile consultare il testo della proposta di legge.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,842FansLike
3,731FollowersFollow

Leggi anche

Giorgia Meloni: Blair? Bizzarre ricostruzioni, noi siamo la Destra.

Ogni giorno mi diverto a guardare le bizzarre ricostruzioni che vorrebbero il progetto di Fratelli d'Italia ispirato da un diverso modello straniero. Il modello...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Giorgia Meloni: Blair? Bizzarre ricostruzioni, noi siamo la Destra.

Ogni giorno mi diverto a guardare le bizzarre ricostruzioni che vorrebbero il progetto di Fratelli d'Italia ispirato da un diverso modello straniero. Il modello...

Piemonte, Meloni: Solidarietà di FdI al Governatore Cirio, inquirenti facciano luce sul caso e responsabili siano individuati

«Piena solidarietà di Fratelli d’Italia al governatore del Piemonte Alberto Cirio. Lo spregevole volantino intimidatorio trovato, guarda caso, nei pressi del centro sociale 'Askatasuna'...

Banca Popolare di Bari: un prestito che non poteva passare inosservato

Era il dicembre 2019. Dalle pagine di questo giornale provavamo a ricostruire la lunga serie di prestiti, concessi dalla Banca Popolare di Bari. Ci...

ONG: Sardine organizzano colletta per nuova nave immigrazionista.

Le Sardine hanno annunciato il lancio di una campagna di crowdfunding, che servirà per mettere in mare la seconda nave italiana per il soccorso umanitario. "C'è chi impacchetta...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x