martedì, Settembre 29, 2020

Bonafede – Renzi: nel Gioco della Torre, buttiamo giu’ entrambi

Poteva essere il giorno che tanti sognavano da tempo, quello della caduta di questo esecutivo, e tanti temevano da tempo, quello della caduta di questo esecutivo. Si è rivelato essere il giorno in cui Bonafede ha potuto tirare un sospiro di sollievo e Renzi si è rivelato per ciò che, intimamente, tutti abbiamo sempre saputo che è: un politico fatto e finito, in grado di decidere, con un mix di paraculaggine, dimestichezza ed inaffidabilità, nonostante uno sparuto gruppo di senatori e deputati a disposizione, le lune del governo.

Che dire di Bonafede? Il buon Alfonso si è confermato per l’ennesima volta completamente inadatto ad un ruolo, quello ministeriale, che dovrebbe essere prerogativa di chi ha un’alta conoscenza della materia di cui deve occuparsi, accompagnata ad un’aura da gran maestro, all’esperienza maturata sul campo e ad un physique du role mica da scherzi. Se pensiamo che il Ministero della Giustizia, una volta appannaggio dei vari Moro, Gonella, Reale, al grido “onestah” è stato affidato al buon Alfonso, avvocato di provincia di 44 anni, abilitato alla professione all’età di 34, senza alcuna infamia e alcuna lode, possiamo comprendere il perché il Paese è nello stato in cui si trova.

E chiariamoci: il Ministro, in questa vicenda non è acclarato colpevole in nulla, per cui ha tutto il beneficio del dubbio possibile. E’ innocente fino a prova contraria e nessuno deve permettersi di millantare alcunchè. Per questo, proprio, doveva dimettersi: perché le parole a volte pesano come macigni. Fu lui a sentenziare, nel gennaio 2016, che “Se c’è un sospetto anche chi è pulito si dimetta”.

No, caro Alfonso, non funziona così: il vostro giacobinismo, la ricerca di un colpevole a tutti i costi, il peso delle vite che avete distrutto, della credibilità personale che avete fatto a fette, ogni giorno vi si sta ritorcendo contro. Vi state riscoprendo come e peggio di chiunque altro. Aveva ragione il socialista Nenni nel dire che “a fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro che ti epura”. Anche un orologio rotto segna l’ora esatta due volte ogni giorno: toccherà anche a voi essere epurati. Ci auguriamo presto.

Che dire di Renzi? Non basterebbe un libro. E sicuramente lui un libro, in vita sua, l’ha letto, non fosse altro che perché scritto da un suo conterraneo, quel Nicolò Machielli che espresse in un bignami di una lucidità spaventosa i requisiti del Principe.

Renzi, autentico squalo – e lo si legga nella declinazione che si vuole – della politica, ha fatto suo i tratti caratteristici della figura: è spregiudicato, affabulatore, inaffidabile, calcolatore. Tratti moralmente deprecabili, ma politicamente e personalmente utili, se è vero che con un partito che ad oggi galleggia sulla soglia del 2% riesci a fungere da ago della bilancia della peggior politica della storia repubblicana.

Ma non è Renzi ciò di cui l’Italia ha bisogno, non oggi che funge da deus ex machina di un governo farsesco, non ieri che – con un 40% – aveva illuso tanti (troppi) di area moderata, che avevano trovato nel politico fiorentino un valido rappresentante: perché Renzi, il gran rottamatore, si è confermato per ciò che è sempre stato.

La quintessenza del politico che, anziché dedicarsi all’esercizio del potere, aspira al mantenimento dello stesso, in una serie di piroette degne del miglior Bolle, che ne fanno figura sicuramente abile ma inaffidabile. Una figura onnipresente in Italia, in ogni piccola realtà locale – ed è per questo che lo avvertiamo così vicino ad ognuno di noi. A seconda del tirar del vengo, crea nemici dove vi erano amici e amici dove vi erano nemici. Fa parte del gioco accettare queste figure abili, fa parte del gioco evitare che facciano troppi danni.

Facciamo il giochino della torre: chi buttiamo giù tra Alfonso Bonafede e Matteo Renzi?

Non conviene direttamente buttar giù la torre?

Nello Simonelli
Nello Simonelli
Nello Simonelli nasce ad Avezzano (AQ) il 26 novembre 1988. Sin da bambino interessato a tutto ciò che verte intorno al mondo del giornalismo e della scrittura, si laurea in giurisprudenza all’Università degli Studi di Teramo nel 2014, per poi dedicarsi ad attività che spaziano dal teatro alla dirigenza sportiva, dedicandosi ad ulteriori studi nel ramo del marketing e della comunicazione oltre che del diritto sportivo. Lavora presso lo Studio Legale Simonelli di Avezzano, è responsabile del circolo cittadino di Nazione Futura, scrive per diverse testate locali, nella Marsica ed in Abruzzo, e di approfondimento politico e sociale.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,834FansLike
3,732FollowersFollow

Leggi anche

La convenzione “Faro” ci sottomette all’Islam. Difendiamo le radici d’Europa.

La Convenzione di Faro, stipulata all’interno del contesto del Consiglio d’Europa, ad oggi è stata ratificata da 20 paesi (l'ultima ratifica arriva proprio dall’Italia...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

La convenzione “Faro” ci sottomette all’Islam. Difendiamo le radici d’Europa.

La Convenzione di Faro, stipulata all’interno del contesto del Consiglio d’Europa, ad oggi è stata ratificata da 20 paesi (l'ultima ratifica arriva proprio dall’Italia...

Il successo di Giorgia Meloni arriva Oltremanica: The Guardian dedica un articolo alla vittoria di Fratelli D’Italia nelle Marche

Inizia così l'articolo che il "The Guardian" dedica al successo di Fratelli d'Italia nelle Marche, e sebbene manchino ancora i voti di pochissime sezioni, la...

L’omofobia? Se targata “islam” allora va bene.

La sinistra ha un modo originale di difendere i diritti delle minoranze, così tanto originale che è al limite della comprensione. O meglio, potremmo...

Referendum, Conte spiega all’Italia come votare. Livello di liberta’: Pyongyang

Apprendiamo oggi, da Rai Uno, che domenica 13 settembre, a una settimana dal voto per il referendum sul taglio o meno dei parlamentari, il...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x