Brexit: lavorano tutti e i salari aumentano. Il Corsera disperato…

Un editoriale surreale quello di oggi a firma di Luigi Ippoliti sul Corriere della Sera. L’editorialista di stanza a Londra “lamenta” che ora lì lavorano tutti, si va verso la piena occupazione, con la disoccupazione che “guadagna” un misero 4% ( in Italia è intorno al 10% con picchi miserevoli al SUD), i salari aumentano, ma soprattutto, apriti cielo, i profitti delle aziende vengono intaccati.

Soprattutto, secondo Ippoliti, la Gran Bretagna, avendo raggiunto la piena occupazione, rischierebbe di non trovare più gente che fa i lavori che gli altri non vogliono fare, a causa delle “chiusure” della Brexit.

Come se uno Stato libero e Sovrano, se davvero si trovasse nella situazione assurda predetta, non avesse gli strumenti e il potere di aprire le porte a un’ controllata e basata sul fabbisogno lavorativo. Come se ci fosse bisogno di manovali polacchi (Ippoliti dixit) o di programmatori informatici indiani o cinesi, il Regno Unito non potesse semplicemente aprire a un flusso di in linea con il fabbisogno lavorativo interno, come del resto ogni Nazione civile dovrebbe fare. La Brexit, a differenza della Ue e dell’euro non è una religione con dogmi indiscutibili, ma solo una scelta politica.

Un editoriale, quello di Ippoliti, che fa sorridere per la faziosità incommentabile con cui arriva a criticare il raggiungimento di un livello di benessere auspicabile anche in Italia e ovunque le catene UE da anni aumentano crisi, disoccupazione, livello salariale.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,177FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati