Cannabis, Pozzi (MODAVI): bene inammissibilità referendum, quesito scritto con poca lucidità

La bocciatura del quesito referendario riferito al “Testo Unico in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope” è una buona notizia per l’Italia e per tutto quel mondo del Terzo settore e del volontariato che da sempre combatte battaglie per la vita, contro la cultura della morte, dello sballo e della criminalità. Il quesito referendario, come spiegato dal Presidente Amato, prevedeva la scomparsa del divieto di coltivazione di qualsiasi pianta, altro che cannabis, come il papavero da oppio e la coca: inaccettabile.
Il MODAVI esprime piena soddisfazione per la decisione della Corte Costituzionale, ma non si ferma e annuncia una rinnovata mobilitazione contro tutte le dipendenze patologiche e a sostegno di stili di vita sani e sostenibili.

E’ quanto dichiara Mario Pozzi, Presidente Nazionale del MODAVI Onlus.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,392FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati