Caos Procure, Rampelli (VCP-FDI): ANM non caschi dal pero…

“Palamara ha gestito il potere in seno all’Anm con massima disinvoltura, disprezzo delle regole e delle istituzioni. Ma tutto questo è stato possibile perché qualcuno gliel’ha consentito anzi, l’ha incoronato presidente dell’Anm non perché dotato di spirito imparziale e capacità tecnico giuridiche, ma perché utile a perpetrare il meccanismo dell’occupazione del potere e della spartizione tra correnti della magistratura e le varie anime del Pd. Che oggi l’Anm decida di espellere il suo ex presidente, già capo di Unicost – la corrente garante delle scalate a danno dello Stato – ci impone una conclusione che faccia dell’ipocrisia con la quale è stata commentata oggi la notizia: lo strapotere di Palamara non era tollerato dalle correnti della magistrature e dai partiti che hanno dominato la scena della Giustizia, ma condiviso.  L’Anm non finga di cadere dal pero e azzeri tutto. C’è bisogno di interrompere i rapporti promiscui con i partiti, abolire le correnti in magistratura, modificare i criteri per la selezione dei procuratori della Repubblica e i componenti il Csm, rinnovandoli conseguentemente tutti, separare le carriere tra pubblica accusa e magistrato giudicante, introdurre la responsabilità civile per i giudici, impedire che chi dalla magistratura sceglie la carriera politica possa poi tornare a fare il giudice. Ci vuole una nuova stagione di rinnovamento totale che ricostruisca la credibilità, la tensione morale e l’imparzialità della magistratura, come desiderano la gran parte dei magistrati italiani, mortificati da questo film dell’orrore”.

È quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,174FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati