Caos vaccinazioni, Zucconi (FdI): ormai un marchio di fabbrica della sinistra

Non è bastato il caos per la distribuzione delle mascherine e le incognite e i ritardi delle vaccinazioni contro l’ influenza, adesso ad aggiungersi alla lista arrivano anche le vaccinazioni anti Covid-19 per gli ultraottantenni (13.805 nella sola Versilia).
La campagna, che partirà il prossimo lunedì, riguarda in prima persona i medici di base, incaricati della somministrazione delle dosi ai loro pazienti.
Secondo una direttiva regionale, gli stessi medici di famiglia dovranno infatti contattare i propri assistiti, ai quali dovranno poi somministrare i vaccini Pfizer e Moderna.
Ma tutto rimane nella teoria, perchè in pratica, ad oggi, nessun medico ha ricevuto alcuna informazione nè indicazione, come ad esempio dove prendere i vaccini, come conservarli, in che luogo effettuare le vaccinazioni e se avranno o meno un supporto infermieristico.
Nel frattempo, come mi hanno riferito personalmente alcuni medici, la popolazione li ha letteralmente presi d’assalto, chiedendo informazioni e pretendendo il vaccino annunciato e promesso dalla Regione.
Insomma, il solito pastrocchio cui siamo abituati dall’inizio di questa pandemia: la sinistra si dimostra come sempre brava solamente a fare proclami e slogan, senza prima aver gettato basi logistiche e organizzative adeguate.

Riccardo Zucconi, Deputato Fratelli d’Italia

3 Commenti

  1. Adesso pur di conquistarsi un posto al sole di Draghi, Salvini e Berlusconi sono disposti a passare sotto le forche Caudine dei sinistrati, militari e boldriniani Fiorella Mannoia qualche tempo fa cantava: COME SI CAMBIA…
    Mi inchino alla coerenza di una Immensa Giorgia Meloni!

  2. Per poter procedere alla vaccinazione massiva di tutte le persone ritenute “fragili” occorre tassativamente la più totale trasparenza sul tipo di farmaco, sul suo funzionamento all’interno del corpo umano, sui possibili rischi a breve e lungo termine, su chi si assumerà le responsabilità in caso di danni transitori e permanenti alla salute. La vaccinazione non obbligatoria, deve essere affiancata dalla possibilità di essere curati presso la propria abitazione/domicilio dal più efficiente, competente e responsabile servizio di medicina territoriale dotata di ogni mezzo e aiuti infermieristici. In un momento in cui EMA, AIFA, ISS, hanno abiurato ai loro divieti su farmaci e protocolli terapeutici attuati da migliaia di medici di base e non, è obbligatorio diffondere la verità medica scientifica alle persone che hanno il DIRITTO di scegliere come tutelare la propria salute. A meno che l’art 32 Costituzione e la stessa non valga più niente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,355FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati