Capannori, Petrini (FDI): sui centri estivi non tutto è chiaro, presenteremo interrogazione in consiglio comunale

Capannori (LU) – Dopo tre mesi di distacco sociale finalmente i nostri giovani potranno ritrovarsi, con l’apertura dei campi estivi, per giocare, persocializzare, per apprendere e conoscere nuove cose in vari ambiti e attraverso diverse attività. Nello svolgimento dei campi estivi però non tutto risulta chiaro e definito.In primo luogo, sembra che i genitori interessati debbano informarsi direttamente da ogni singola associazione organizzatrice del campo estivo, con il ruolo del Comune che appare marginale e con sportello URP e sportello Amico che non sembrano per niente coinvolti.
A parlare Matteo Petrini, consigliere comunale di Fratelli d’Italia.

Altro dato che stona è la variabilità dei prezzi tra i vari campi estivi, strettamente correlato con i contributi stanziati dal Comune. In questo periodo difficile, riteniamo giusto che l’amministrazione comunale debba fare molto di più, prendendo esempio da altri Comuni, anche limitrofi, che hanno stanziato contributi ben più sostanziosi. Il contributo massimo di 250 euro stanziato dall’amministrazione Menesini è infatti circoscritto a quelle famiglie con un ISEE molto basso, a differenza ad esempio di Lucca dove per Isee fino a 30.000 euro vi è la copertura del 100% delle spese.
Altra problematica – prosegue Petrini – sorta parlando proprio con alcuni organizzatori, è quella relativa agli educatori da affiancare ai bambini disabili. Perché l’amministrazione non ha pensato di mettere a disposizione i propri educatori, sgravando così gli organizzatori – e quindi i genitori dei bambini frequentanti – di costi e prezzi di partecipazione?
In più, è stato predisposto un patto di responsabilità reciproca tra il responsabile del campo e chi esercita la patria potestà sul minore? E chi sarà predisposto al controllo del distanziamento e all’utilizzo delle norme indicate dagli organi competenti?
Avevamo immaginato che, stante questa situazione, fossero rinnovate anche le location e i soggetti gestori degli scorsi anni, magari coinvolgendo maggiormente le associazioni Parrocchiali ( Donatori, Anspi,ecc) e facendo in modo che anche gli agriturismi e le aziende agricole, ad oggi in grossa difficoltà, divenissero veri centri di “cultura che nutre”, con progetti specifici per far conoscere i nostri prodotti, utilizzando gli stessi, panificando, cucinando, facendo piccole esperienze nell’ambiente alla ricerca, ad esempio, di erbe alimentari e salutari ed altro ancora. Sono tanti i proclami in soccorso a queste importanti entità del nostro territorio e percorrere questa strada potrebbe essere una prima e importante risposta per dare nuova linfa vitale anche al tessuto agricolo e produttivo del Comune.

Tutte questi dubbi e proposte – conclude – saranno oggetto di un’interrogazione che presenteremo in Consiglio Comunale e dalla quale speriamo di avere risposte e rassicurazioni in tempi celeri.
Matteo Petrini, consigliere comunale Capannori

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,120FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati