Carburanti, Filini (FdI): Calenda? Un ‘Giuseppi’ Conte qualsiasi

“Sostenere che il governo avrebbe dovuto mantenere il taglio delle accise equivale a dire che in manovra l’esecutivo avrebbe dovuto prevedere 10 miliardi in più, aumentando il debito pubblico e mettendo seriamente a rischio i conti, con conseguenze pesanti sulla sostenibilità della spesa. Calenda fa populismo di basso livello, sa benissimo che in tutta la Ue la misura straordinaria di contenimento delle accise è stata tolta in ragione dell’abbassamento dei prezzi dei carburanti. L’Italia non poteva fare diversamente. Da quando l’esecutivo si è insediato lo spread ha cominciato a scendere, e continua a scendere nonostante l’aumento dei tassi d’interesse deciso dalla Bce; questi sono dati sotto gli occhi di tutti e certificano la bontà delle scelte fatte. Comprendo la necessità politica di dover attaccare a prescindere il governo guidato da Giorgia Meloni, ma certe dichiarazioni tutt’altro che serie e competenti stridono fortemente con l’immagine di partito responsabile che Calenda cerca di dare ad Azione, rischiando inevitabilmente di passare per un ‘Giuseppi’ Conte qualsiasi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Discussioni

12,074FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati