Carceri, Bonafede strizza l’occhio all’Islam radicale?

104 views

Bonafede si piega all’Islam più radicale e rinnova con UCOII il protocollo d’intesa per favorire l’ingresso di imam e mediatori culturali nelle carceri per dare assistenza spirituale ai carcerati di fede islamica.

Il primo accordo tra il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e l’ucoii è del 2015, ministro Orlando del governo Renzi e doveva essere un accordo biennale, temporaneo, in cui l’associazione promotrice, l’UCOII appunto, avrebbe dovuto fungere da apripista per il dialogo con la confessione islamica e le sue associazioni sul territorio.

È rimasta solo UCOII, che ha egemonizzato l’interlocuzione con il governo occupando uno spazio di rappresentatività che non possiede, come lamentato anche da più associazioni religiose islamiche, che rivendicano un ruolo importante e istituzionalizzato con lo Stato Italiano anche per il tramite di ufficiali riconoscimenti che UCOII non ha. La questione non è affatto formalistica o di poco momento.

Occorre sapere, infatti che per entrare nelle carceri, i ministri di culto delle confessioni religiose che hanno stipulato le intese con lo Stato Italiano di cui all’art 8 Cost, non hanno bisogno di particolari autorizzazioni. Ció in quanto le intese sono le fonti che garantiscono sulla conformità del culto professato alla legge italiana ed alle norme di ordine pubblico. Per le confessioni religiose che non hanno stipulato le intese, come la religione islamica, comunque lo Stato garantisce un ampio diritto di professare e di fare assistenza spirituale.

Tuttavia i ministri di culto per entrare nelle carceri e assistere i fedeli devono essere autorizzati dal ministro dell’interno. L’autorizzazione serve per evitare che si professino principi contrari alla legge.
Ebbene, con l’accordo tra ucoii e dap, l’autorizzazione del ministro dell’interno viene facilitata, viene estesa ai ministri di culto e mediatori culturali ed il controllo del ministero dell’interno é sostanzialmente mediato dall’associazione che fornisce la lista dei soggetti da autorizzare all’ingresso. Il Ministero dell’Interno, per il tramite del dipartimento preposto, dá il nulla osta.

E dunque, considerata la realtà composita e variegata dell’associazionismo islamico in Italia, è doveroso chiedersi perché questo protocollo sia stato stipulato e continuamente rinnovato solo con UCOII, considerato che, come detto, non è un soggetto riconosciuto dallo Stato Italiano e non è una realtà esponenziale e rappresentativa della globalità delle comunità islamiche.

In disparte le dichiarazioni assai discutibili rese dal presidente Yassin Lafram, per cui cristianesimo ed ebraismo sarebbero pericolose eresie, da parte delle stesse associazioni islamiche italiane, una su tutte l’organizzazione della Grande Moschea di Roma, giungono accuse di contiguità dell’UCOII con l’Islam radicale dei fratelli musulmani. È dunque grave e pericoloso che l’Islam più radicale, a scapito delle altre associazioni islamiche presenti sul territorio, venga privilegiato nel rapporto con la realtà penitenziaria e gli venga permesso l’ingresso nelle carceri mediante corsie preferenziali.

Come correttamente segnalato anche da , in questo modo si rischia l’indottrinamento e la radicalizzazione della popolazione carceraria, a causa della cecità di un governo che minimizza il problema.

Una familiarità, quella di UCOII con Conte ed i suoi ministri, che deve preoccupare, perché spia di una deriva di inaccettabile sottomissione alla protervia dell’Islam politico radicale.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,856FansLike
3,820FollowersFollow

Leggi anche

Covid, Meloni: Governo naviga a vista e cerca capro espiatorio, ecco i risultati di tanta vanità mista a incompetenza

«Di fronte all'aumento esponenziale dei contagi il Governo naviga a vista. Continua a fare la cosa più semplice, cercare un capro espiatorio da additare,...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Covid, Meloni: Governo naviga a vista e cerca capro espiatorio, ecco i risultati di tanta vanità mista a incompetenza

«Di fronte all'aumento esponenziale dei contagi il Governo naviga a vista. Continua a fare la cosa più semplice, cercare un capro espiatorio da additare,...

Lockdown Campania. Anche i Centri Sociali dietro la notte di fuoco a Napoli.

"Tra le diverse anime scese in piazza, oltre a commercianti e ragazzi, anche ultra' della curva A dello stadio San Paolo, attivisti di Centri...

Lockdown, Meloni: De Luca irresponsabile, ma violenze vanno punite.

È stato irresponsabile, da parte del Governo e del governatore della Campania De Luca, parlare dell'ipotesi di un altro lockdown senza prima spiegare come...

Un Governo che scarica i propri errori sull’opposizione.

Ma che razza di governo è quello che scarica i propri errori sull’opposizione la quale, da costituzione, svolge sì il proprio ruolo di vigilanza...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x