Caretta (FdI) – Altri due morti a causa della mancata gestione della fauna selvatica non sono imputabili al fato

“Due morti e un ferito a causa dello schianto tra un’auto e un branco di cinghiali presenti sull’A26. L’ennesima tragedia evitabile se in Italia ci fossero ministri dell’Agricoltura e dell’Ambiente in grado di gestire la fauna selvatica problematica e in particolare l’enorme proliferazione di ungulati, tematica sulla quale ho presentato uno specifico progetto di legge. Il ministro Bellanova e il ministro Costa, nonostante le segnalazioni e gli allarmi, hanno scelto di non decidere, con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti. Oggi altre due famiglie piangono i loro cari che non sono morti a causa del fato, ma per l’incuria di chi ora dovrebbe prendersi le responsabilità dell’accaduto”.

E’ quanto dichiara l’on. Maria Cristina Caretta, deputata di Fratelli d’Italia

1 commento

  1. Prima di tutto bisognerebbe obbligare i gestori di autostrade e superstrade di sistemare le recinzioni rotte in modo da impedire che gli animali vi entrino e rendere responsabili tali gestori di eventuali incidenti causati per le recinzioni rotte.
    Poi è ora che mettano mano a questa legge sulla caccia in modo da rendere efficace il controllo di questi animali in sovrannumero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,411FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati