mercoledì, Agosto 12, 2020

Caretta (FdI) – Basta ritardi sulla caccia in deroga, il Governo rispetti la legge statale n. 157/92

Basta perdite di tempo, il Presidente Conte convochi la Conferenza Stato-Regioni e rispetti l’art. 19 bis della legge statale 157/92. Sono intervenuta con una Interrogazione al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Ministro per gli Affari regionali e Autonomie Francesco Boccia per chiedere se non intendano convocare la Conferenza Stato-Regioni, il cui termine è scaduto il 10 giugno, per permettere alle Regioni che hanno presentato regolare richiesta di applicare il regime di deroga, di poter ricevere la ripartizione dei quantitativi massimi prelevabili delle specie oggetto di deroga. E’ opportuno ricordare che le deroghe sono uno strumento messo a disposizione degli Stati membri dall’Unione europea, al fine di derogare ai divieti generali per tutte quelle specie che sono considerate in buono stato di conservazione. Riguardano forme di cacce tradizionali fortemente radicate nel territorio italiano e rappresentano anche un efficace strumento a tutela delle culture agricole dai danni provocati dall’eccessiva presenza di alcune specie di fauna selvatica che, pur non essendo considerate normalmente cacciabili, possono essere prelevate in deroga ai sensi della direttiva comunitaria 147/2009 e dall’art. 19 bis della legge statale 157/92. Ancora una volta questo Governo non rispetta i diritti di una categoria, quella dei Cacciatori, a cui mi onoro di appartenere e della quale ci si ricorda benissimo solo quando c’è da tartassarla con mille tasse e gabelle. I Cacciatori non chiedono contributi o regalie, ma semplicemente il rispetto della legge da parte di un Governo smemorato quando gli fa comodo e che dimentica che noi Cacciatori, nel rispetto della legge, per poter esercitare l’attività venatoria versiamo ogni anno nelle casse dello Stato, con il pagamento della sola tassa governativa, oltre 120 milioni di euro. In quel caso l’attuale Esecutivo dimostra di conoscere benissimo l’esistenza degli appassionati dell’attività venatoria, salvo poi dimenticarli quando si tratta di dargli quel che gli spetta. Un comportamento ipocrita che caratterizza l’intera attività di Governo e che Conte e compagni hanno dimostrato di applicare pressoché a tutte le categorie di contribuenti, ma ora la misura è colma e non consentiremo più che si continuino a ignorare i diritti dei Cacciatori italiani. Non chiediamo che ci si occupi di noi addirittura con la stessa attenzione con la quale sono stati trattati i clandestini nell’approvazione della famigerata sanatoria, ma ci “accontenteremmo” semplicemente di essere trattati come cittadini che hanno doveri e diritti. Ci basterebbe che lo Stato rispettasse quanto previsto dall’art. 19 bis della legge statale 157/92. Non chiediamo nulla di più, ma visto il modo di operare dell’attuale interlocutore viene il sospetto di chiedere troppo”. E’ quanto dichiara l’on. Maria Cristina Caretta, deputata di Fratelli d’Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,728FansLike
3,563FollowersFollow

Leggi anche

Migranti. Lollobrigida (FDI): ancora sbarchi e casi di positività al Covid, soluzione è blocco navale

“Ancora sbarchi, ancora fughe di immigrati, ancora tanti casi di positività al Covid che rischiano di diventare nuovi focolai nella nostra Nazione. Se l’inadeguato...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Migranti. Lollobrigida (FDI): ancora sbarchi e casi di positività al Covid, soluzione è blocco navale

“Ancora sbarchi, ancora fughe di immigrati, ancora tanti casi di positività al Covid che rischiano di diventare nuovi focolai nella nostra Nazione. Se l’inadeguato...

Inps: FdI, Presidente Tridico venga urgententemente in Commissione a riferire

“Abbiamo chiesto l’audizione del presidente Inps in commissione Lavoro per chiarire ogni aspetto di questa assurda vicenda che resta ancora opaca per molti aspetti...

Dl Agosto, Santanchè (FdI): Divario tra Nord e Sud è inaccettabile

"Questa emergenza sanitaria ha fatto emergere un problema che tutti conosciamo molto bene, il divario tra Nord e Sud. E' necessario che la fiscalità...

Migranti: Lucaselli (Fdi), Lamorgese insulta intelligenza italiani

"Se sconcerta il modo in cui i flussi sono stati gestiti, sconcerta ancora di più la totale dissociazione dalla realtà del ministro dell'Interno Lamorgese....