Caretta () – , in Italia non ci sono focolai di che giustifichino la sospensione dell’uso dei richiami vivi

67 views

“In Italia non ci sono focolai di che giustifichino la sospensione dell’utilizzo, nell’attività venatoria, dei richiami vivi appartenenti agli ordini degli Anseriformi e Caradriformi. Al contrario di quanto sta avvenendo nei Paesi Bassi, dove sono stati riscontrati dei focolai di influenza , le ragioni che hanno indotto la Direzione della sanità animale e dei farmaci veterinari (DGSAF) non trovano riscontro nel nostro Paese. In Italia l’uso di questi richiami vivi è peraltro regolarmente gestito e disciplinato con apposito protocollo operativo 0021498-P del 3 settembre 2018, il quale specifica che eventuali modifiche ed integrazioni dello stesso devono avvenire ai sensi della Decisione di Esecuzione (UE) 2018/1136 della Commissione, sulla base quindi dell’evoluzione della situazione epidemiologica dell’influenza ad alta patogenicità in ambito nazionale, eventualità ad oggi non ancora verificatasi. Proprio a fronte di questa situazione ho rivolto un’interrogazione al ministro della Salute, Roberto Speranza e al ministro delle Politiche Agricole, Teresa Bellanova, per chiedere se siano informati della nota DGSAF del 4 novembre scorso e quali iniziative intendano intraprendere per sospendere il divieto di utilizzo dei richiami vivi, visto che non esistono ragionevoli e comprovate necessità di urgenza”.

E’ quanto dichiara l’on. Maria Cristina Caretta, deputata di Fratelli d’Italia

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,962FansLike
4,057FollowersFollow

Leggi anche

Giustizia: Varchi (FdI), Governo lascia magistrati onorari in balia del virus

"La magistratura onoraria è in stato agitazione contro il Governo Conte e la maggioranza. Dopo anni di lavoro non riconosciuto e mal pagato, quasi...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Giustizia: Varchi (FdI), Governo lascia magistrati onorari in balia del virus

"La magistratura onoraria è in stato agitazione contro il Governo Conte e la maggioranza. Dopo anni di lavoro non riconosciuto e mal pagato, quasi...

Caretta (FdI) – Vicenza, con Galli se ne va un pezzo importante di storia calcistica della nostra città

"Con Ernesto Galli, portiere del mitico "Real Vicenza", se ne va un pezzo importante della storia calcistica della nostra città. Insieme con Paolo Rossi...

Lampedusa e barconi abbandonati, Pisano (FdI): Rischio disastro ambientale, Governo intervenga immediatamente

"Da tempo Fratelli d'Italia denuncia come i barconi utilizzati dai migranti per raggiungere le coste lampedusane, lasciati ormeggiati anche per lungo tempo all'Interno del...

Foibe ed esodo: Carla Isabella Elena Cace e’ il nuovo presidente dell’Associazione Nazionale Dalmata

Carla Isabella Elena Cace, storico dell’arte, giornalista ed esule di terza generazione, è il nuovo presidente dell’Associazione Nazionale Dalmata, la prima donna a rivestire...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x