Caro affitti. Montaruli (FdI): fare ragionamento d’insieme, distinguere chi ha alternativa

“Gli studenti fanno bene a protestare, ma la si deve concentrare su chi ha realmente bisogno, non su chi abita a Seregno e ha l'ateneo a Milano. Condizioni reddituali basse e merito, nonché un'effettiva assenza di alternative all'alloggio, devono essere il criterio per scegliere come e dove dirottare i fondi. Se così non fosse non staremmo parlando di diritto allo studio e si otterrebbe l'effetto contrario, ovvero quello di togliere le risorse a chi ha davvero bisogno. Legittimare la pretesa di un intervento pubblico per aiutare ad avere un alloggio a chi dispone di una casa a pochi chilometri – com'è il caso della ragazza intervistata oggi dal Corriere della Sera – non mi trova assolutamente d'accordo perché sarebbe limitare i diritti di chi studia davvero lontano da casa e deve affrontare ben altre problematiche”. Lo dichiara Augusta Montaruli, vicecapogruppo di Fratelli d'Italia alla .
“Bene dunque i nuovi alloggi, ma servono criteri puntuali per la loro assegnazione senza dimenticare che in Italia troppe famiglie vivono in emergenza abitativa e l'alternativa per loro non è Seregno, ma la strada. Se c'è davvero uno sforzo per reperire nuovi immobili si pensi a chi sta veramente in difficoltà, fissando prezzi congrui per il diritto allo studio, senza dimenticare l'emergenza abitativa di chi non è studente su cui va fatto un ragionamento a parte. Gli studenti che provengono da una famiglia agiata, inoltre, non possono passare avanti a chi la propria famiglia non sa dove collocarla perché mancano alloggi di edilizia sociale. Sulla casa serve dunque fare un ragionamento equilibrato e di insieme”, conclude.

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x