Cartelle esattoriali. Calandrini (FdI): riforme e interventi per la riscossione non più rinviabili

“L’allarme lanciato ieri dal direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini circa la mole di crediti non riscossi pari a 1.100 miliardi di euro, va assolutamente ascoltato. È evidente che una riforma della riscossione non può più essere rinviata e che non basta semplicemente eliminare l’aggio così come è stato fatto nell’ultima Legge di Bilancio. Ciò che è importante adesso è trovare una soluzione in grado di svuotare l’immenso magazzino dell’Agenzia delle Entrate che conta circa 140 milioni di cartelle e 16 milioni di contribuenti con debiti iscritti a ruolo. Negli ultimi anni la sola strategia proposta dal Governo è stata con le rottamazioni e il saldo e stralcio, ma come detto ieri dal direttore Ruffini, queste misure sono servite a poco. Ecco perché Fratelli d’Italia insiste nel dire che una rottamazione quater da sola non basta, soprattutto se non include gli anni della pandemia che sono quelli dove, comprensibilmente, si è prodotto un blocco dei pagamenti e delle riscossioni che ha fatto crescere ulteriormente la quantità di crediti non riscossi. Continuiamo a sostenere la necessità di procedere con un inventario del debito fiscale per ciascun contribuente, e per l’importo che ne deriverà, privato di oneri e sanzioni, dovrà essere previsto un pagamento a rate. Questo avrebbe un triplice risultato: il contribuente non si sentirebbe schiacciato dal debito, lo Stato riscuoterebbe, e l’Agenzia delle Entrate vedrebbe svuotarsi i suoi magazzini. Il Governo si degni di ascoltarci perché, come detto dal direttore Ruffini, la situazione è diventata ingestibile”.

Lo dichiara il senatore Nicola Calandrini, capogruppo di Fratelli d’Italia nella Commissione Bilancio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
11,297FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati